Animali

Un leone potrebbe sopravvivere a una dieta vegetariana?

Le conseguenze sarebbero pari a quelle di un pieno di benzina in un motore diesel. Un discorso che vale, in parte, anche per i felini domestici.

Il felino predatore per eccellenza potrebbe adattarsi a vivere senza carne? La strana domanda - pubblicata, insieme alla spiegazione, sul sito di Popular Science - è meno banale di quanto sembri.

Corpo da carnivori. La risposta è, come prevedibile, no. E non tanto per una questione di gusti. I denti dei leoni hanno forma e struttura tarate per tagliare la carne, e non per triturare semi e cellulosa. I loro stomaci utilizzano enzimi per metabolizzare grassi e proteine; manca, nell'apparato digerente di questi felini, la flora batterica necessaria a digerire i carboidrati.

I "leoni" di casa. Quanto detto vale anche per i gatti domestici? I mici di casa possono imparare a consumare crocchette vegetariane, se la consistenza non è troppo diversa dai cibi familiari. E possono consumare verdure (preferibilmente cotte). Ma il fatto che si siano adattati a mangiare di tutto non vuol dire che convertirli a una dieta vegana sia una scelta "naturale" e nell'interesse della loro salute.

sostanze Indispensabili. Una dieta povera di proteine animali rischia di privarli di nutrienti essenziali come la taurina e la cobalamina, un amminoacido e una vitamina del gruppo B. Senza di queste (o in alternativa, di opportuni integratori) i mici possono sviluppare degenerazione retinica, cardiomiopatie e problemi al tratto urinario.

Un altro amminoacido molto importante è l'arginina, presente in quantità sufficienti nella carne ma non nel pesce. L'eventuale carenza di questo amminoacido può scatenare sintomi nervosi e vomito.

3 settembre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us