Animali

Trovato un altro pesticida nemico delle api

Oltre ai famigerati neonicotinoidi, si è scoperto molti pesticidi alterano il comportamento degli insetti anche a dosi molto basse.

Gli insetticidi sono considerati indispensabili per la protezione della maggior parte delle colture industriali. Ma, come altri prodotti umani, hanno effetti collaterali: in particolare, insieme a quelli nocivi, distruggono anche insetti benefici, per esempio quelli che impollinano le colture stesse.

Api, mosche, bombi e farfalle sono pesantemente colpiti dai cosiddetti agrofarmaci. Le api in particolare, fondamentali per coltivazioni come quelle degli alberi da frutto, sono particolarmente esposte; della moria delle api sono stati accusati i neonicotinoidi, che sono insetticidi sistemici, presenti cioè per tutta la vita della pianta coltivata.

Le api sentono gli odori tramite recettori (sensilli) posti sulle antenne: la loro memoria crea una mappa della posizione dei singoli fiori. © Louise Docker/Flickr

Microveleni. Uno studio neozelandese coordinato da Elodie Urlacher dell’università di Otago, accusa ora un altro prodotto, il chlorpyrifos, di essere nocivo alle api anche a dosi subletali, che cioè non uccidono direttamente gli insetti.

In particolare dosi che vanno da 35 a 286 picogrammi per ape (il picogrammo è un milionesimo di milionesimo di grammo) incidono significativamente sulla sua memoria.

Per contribuire alla vita della colonia, l’insetto deve avere nel cervello una mappa aggiornata e precisa dei fiori che ha già visitato e di quelli che deve ancora controllare alla ricerca del nettare. Dosi anche più basse di chlorpyrifos rallentano l’apprendimento e riducono la specificità dei ricordi.

Dappertutto. Anche se il prodotto è stato, per esempio, messo al bando negli Stati Uniti per l’utilizzo in casa e nei giardini, e per altri usi si dovrebbero seguire precise linee guida, lo studio ha trovato che il 17% dei siti, e il 12% delle colonie, contengono residui di questo pesticida. Secondo Urlacher, «le ricerche chiariscono che è necessario tenere in conto che non sono solo le dosi letali ad avere così pesanti conseguenze sulle api».

Vedi anche

8 marzo 2016 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us