Animali

Noi umani peggio di un asteroide: stiamo accelerando a dismisura il ritmo delle estinzioni

Le attività umane hanno causato, in pochi secoli, estinzioni che a ritmi naturali avrebbero richiesto migliaia di anni. L'uomo è più distruttivo di un asteroide per la Terra.

Le attività umane "stanno cambiando la traiettoria globale dell'evoluzione e distruggendo le condizioni che rendono possibile la vita umana": l'inquietante avvertimento arriva da uno studio pubblicato su PNAS che ha analizzato in dettaglio i ritmi della sesta estinzione di massa, quella alla quale stiamo assistendo "da dentro", e scoperto che il nostro intervento la sta accelerando, "mutilando", come si legge nel titolo, interi rami dell'albero della vita. E i danni che abbiamo causato negli ultimi 500 anni sono avvenuti a un ritmo 35 volte superiore a quello naturale.

 

Accelerazione letale. Lo studio si è concentrato sul ritmo di estinzione degli animali a livello di genere, invece che a livello di specie come siamo abituati: la scomparsa di un genere comporta l'estinzione di un numero anche altissimo di specie – decine, centinaia, in casi estremi anche migliaia. È normale che anche i generi si estinguano, perché la scomparsa di vecchie specie e la comparsa di nuove sono eventi naturali vecchi quanto la vita sul Pianeta.

Quello che non è il normale è il ritmo che abbiamo impresso, con le nostre attività, alla prima metà dell'equazione. Lo studio confronta la cadenza delle estinzioni dal 1500 a oggi con quella dei precedenti 500 milioni di anni, e spiega anche che, negli ultimi 500 anni, siamo riusciti a far estinguere 73 diversi generi di vertebrati – un ritmo 35 volte superiore a quello del precedente mezzo miliardo di anni.

 

VENT'ANNI DECISIVI. In altre parole: senza l'intervento dell'uomo, questi 73 generi avrebbero avuto bisogno di 18.000 anni per estinguersi tutti, non solo 500. Lo studio aggiunge che altri lavori simili hanno registrato ritmi analoghi tra gli invertebrati, le piante e anche i funghi. E il futuro non è roseo: se nel 2100 tutti i generi che ora sono a rischio di estinzione saranno scomparsi, vorrà dire che il ritmo è aumentato ulteriormente, e che gli ultimi 300 anni di storia umana avranno causato estinzioni che, in condizioni naturali, avrebbero avuto bisogno di 106.000 anni per verificarsi.

E le cose potrebbero anche peggiorare: la scomparsa di un genere provoca conseguenze tangibili sull'equilibrio del suo ecosistema, con il rischio di portare altre specie sull'orlo dell'estinzione. «I prossimi vent'anni», dice lo studio, «saranno decisivi per il futuro della biodiversità e di Homo sapiens».

3 ottobre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us