Animali

Perché gli uccelli evitano le farfalle troppo colorate

Gli uccelli ignorano le farfalle troppo colorate perché sanno che sono troppo difficili da catturare, e non perdono tempo dietro a una preda sfuggente e faticosa.

Come fanno le farfalle più colorate a sopravvivere in un mondo pieno di cose che le vogliono mangiare? In teoria, una farfalla troppo vistosa dovrebbe essere una preda più facile per gli uccelli rispetto a una la cui livrea le consente di mimetizzarsi; è una di quelle regole dell'evoluzione che si imparano già a scuola: certi animali sacrificano la loro capacità di sopravvivenza sull'altare dell'apparenza, perché attirare l'attenzione di una femmina è più importante che vivere una vita da single. Ebbene, pare che per le farfalle questa regola non valga, e che al contrario le ali colorate siano un modo per dire agli uccelli di stare alla larga, perché, per così dire, non è aria; è una teoria esposta in uno studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B, che sostiene che gli uccelli evitino le farfalle troppo colorate perché sanno che sono troppo veloci - una nozione che altre farfalle, meno rapide ma più furbe, sono in grado di sfruttare a loro vantaggio.
 
Velenose o troppo veloci? Le farfalle più colorate espongono splendide livree per un motivo che non ha nulla a che vedere con la velocità: i colori brillanti sono un modo per "pubblicizzare" il fatto che l'animale è tossico, e quindi sarebbe un pessimo snack per i potenziali predatori; e infatti gli uccelli imparano in fretta a tenere le distanze da certe farfalle particolarmente belle e disgustose. Erika Páez, dottoranda presso il Centre national de la recherche scientifique di Parigi e prima autrice dello studio, ha voluto mettere alla prova quest'idea in un contesto sperimentale, e ha "coinvolto" un gruppo di cinciarelle. Agli animali sono state prima presentate alcune finte farfalle, marroni e fatte di carta, che nascondevano sotto le ali una mandorla; poi la situazione si è complicata: le cinciarelle si sono trovate davanti ad altre finte farfalle "normali", ma anche alla loro versione con le ali colorate, con pattern simili a quelli delle farfalle tropicali del genere Adelpha. Questa seconda categoria di farfalle nascondeva una doppia insidia: alcune avevano il "corpo" intriso di una sostanza con un pessimo sapore, altre invece si muovevano rapidamente (perché montate su binari appesi al muro) e sfuggivano quindi alla cattura.
 
Marchio di fabbrica. Le cinciarelle ci hanno messo poco a capire che le farfalle colorate erano da evitare; il dettaglio più sorprendente, però, è che ci hanno messo meno tempo a imparare a evitare quelle troppo veloci rispetto a quelle con un cattivo sapore. Non solo: una volta scoperto che le farfalle colorate erano troppo rapide per loro, hanno cominciato a evitarle sistematicamente, anche quando restavano immobili e, soprattutto, anche quando il pattern di colori sulle loro ali era simile, ma non identico, a quello che gli uccelli avevano visto prima. Questo indica una cosa importante: le cinciarelle imparano che le prede troppo colorate sono più difficili da catturare e le evitano, indipendentemente dalla forma delle macchie colorate che hanno sulle ali. Questo spiega come mai il genere Adelpha comprende più di 90 specie diverse, ciascuna con il suo pattern specifico: se sei una farfalla, l'importante non è come ti colori le ali, ma far vedere che i colori ci sono, perché gli uccelli imparano in fretta a evitarti. Più di quanto facciano con quelle farfalle i cui colori indicano "il mio sapore fa schifo": in fondo, una preda disgustosa è comunque meglio che nessuna preda.

19 marzo 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us