Animali

1.500 specie di uccelli stanno scomparendo

La denuncia in un rapporto globale sullo stato di conservazione di questi animali: le cause sono varie, ma il colpevole è sempre lo stesso.

Sono 1.469 le specie di uccelli minacciate di estinzione: circa un ottavo delle 10.966 specie conosciute. È il quadro a tinte fosche che emerge dallo State of the World's Birds, il rapporto 2018 sullo stato di conservazione dell'aviofauna pubblicato da BirdLife International.

La singola, più grande minaccia è rappresentata dall'intensificazione delle coltivazioni: il 74% dei pennuti a rischio (ossia 1.091 specie) rischia di scomparire per l'espansione dei campi agricoli, che oggi occupano sei volte più spazio rispetto a 300 anni fa. Dal 1700 ad oggi, le aree convertite all'agricoltura sono passate dal 6% al 38% del totale.

Fatti più in là. Le nostre mutate abitudini di consumo, con una dieta sempre più ricca di carne, aumentano la necessità di coltivazioni - come quelle di soia - destinate all'alimentazione del bestiame. Ai tropici, intanto, cresce la domanda di terre da adibire alla coltivazione di piante di caffè, di cacao, di canna da zucchero e di palme da olio.

La perdita dell'habitat dovuta al disboscamento e al prosciugamento delle paludi prima, e alla presenza umana poi, sta decimando specie un tempo abbondanti, come la tortora comune (Streptopelia turtur) in Europa, o il pappagallo cinerino (Psittacus erithacus) in Africa. Anche zigoli (uccelli dell'ordine dei passeriformi), allodole e pavoncelle risentono in particolar modo di queste minacce.

Sempre di mezzo. Un'altra attività umana, la caccia, sta mettendo sotto pressione 517 specie già a rischio estinzione, come lo zigolo dal collare (Emberiza aureola), che è passato dalla categoria "minor preoccupazione" a "in pericolo critico" in soli 15 anni. Il riscaldamento globale è invece la principale minaccia per altre 485 specie, che assistono impotenti alla scomparsa del loro habitat: tra questi il gufo delle nevi (Bubo scandiacus), impossibilitato a mimetizzarsi in una tundra sempre meno bianca.

29 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us