Animali

Vacanze da gatti...

Siete pronti per le vacanze? E il vostro gatto? Ecco le regole per passare una piacevole estate a 6 zampe.

Se per chi ha un cane andare in vacanza (a patto di scegliere le mete giuste e seguire alcune regole di buon senso), è tutto sommato facile, per chi ha uno o più gatti l’estate rischia di essere un periodo piuttosto complesso.
A differenza di Fido infatti, Micio non è abituato a viaggiare. Per di più i gatti sono animali piuttosto abitudinari e vivono male i cambiamenti, soprattutto quelli di ambiente: proprio per questo motivo l’ipotesi di trasferire il gatto in una pensione durante l’estate è da valutare con attenzione, magari coinvolgendo anche il veterinario di fiducia.
In linea generale la soluzione migliore sarebbe quella di trovare un cat sitter che possa venire in casa ad accudire il gatto durante la nostra assenza e che, oltre a provvedere alle sue necessità, gli dedichi un po’ di tempo facendolo giocare.
Ma se proprio non è possibile vediamo come fare per organizzare delle vacanze che siano rilassanti per noi, ma anche per il nostro amico felino.

Niente sesso, siamo gatti

Se non l’avete già fatto, prima di partire per le vacanze valutate insieme al vostro veterinario l’ipotesi di far sterilizzare il vostro gatto: gli eviterete le fughe d’amore, le malattie sessualmente trasmissibili e, se maschio, le risse con gatti randagi e magari ammalati.

UN PO' PER VOLTA
Una volta arrivati nella nuova casa, può essere utile limitare al gatto il territorio consentendogli di muoversi in un ambiente ristretto e, in un secondo tempo, permettergli gradualmente di circolare in tutte le zone della casa. La apparente costrizione iniziale serve a farlo abituare pian piano ai nuovi ambienti.

In auto. Solitamente il gatto non è un gran viaggiatore e, tranne casi particolari, non è abituato all’automobile. I primi viaggi potrebbero quindi risultare per lui e per i suoi compagni di viaggio umani poco piacevoli.
Meglio quindi non cimentarsi in lunghi trasferimenti senza un minimo di preparazione invernale: qualche giro in auto durante l’anno servirà ad abituarlo ai rumori e agli odori della strada.
In macchina il gatto deve viaggiare nel trasportino chiuso e coperto con un telo per tenerlo più tranquillo. Qualche giochino scelto tra quelli a cui è più affezionato servirà a rendergli meno noioso il tragitto.
Assolutamente da evitare l’apertura della gabbietta in autogrill o zone di sosta per "far sgranchire le gambe al gatto": potrebbe scappare spaventato, magari proprio in mezzo all’autostrada.
Ovviamente il trasportino non va lasciato in auto mentre noi ce ne andiamo a pranzo: in estate, nell’abitacolo di una vettura chiusa, le temperature superano rapidamente i 50° con conseguenze letali per il gatto.


In treno. Se proprio Micio non ne vuol sapere dell’auto, potete sempre optare per il treno: su quasi tutti i treni nazionali i gatti possono infatti viaggiare gratuitamente dentro al loro trasportino, anche in cuccetta o vagone letto. Per tutti i dettagli sulle condizioni di trasporto potete consultare il sito di Trenitalia.

In nave. Chi decide di muoversi su navi e traghetti è bene che si informi per tempo presso la compagnia di navigazione scelta: le regole e le tariffe per il trasporto degli animali variano infatti da vettore a vettore. Su alcuni traghetti i gatti possono essere portati nelle cabine, mentre su altri devono obbligatoriamente viaggiare nel gattile di bordo. Quest’ultima esperienza per il nostro amico rischia di non essere particolarmente piacevole perchè si troverà chiuso in gabbia, senza il suo padrone, in un luogo sconosciuto.

Mici con le ali. Anche per gli aerei le regole e i costi per il trasporto degli animali variano da compagnia a compagnia. In linea di massima i gatti si possono portare a bordo dentro al loro trasportino (che deve essere del tipo omologato dalla IATA), a patto che non ecceda le dimensioni e il peso di un bagaglio a mano.

ESTATE ROVENTE
In vacanza o in città, al mare o in montagna, uno dei pericoli dell’estate è rappresentato dal caldo. Se il vostro amico peloso dovesse manifestare i sintomi del colpo di calore (ipertermia, abbattimento, perdita di conoscenza, respirazione difficoltosa) affrettatevi ad abbassargli la temperatura corporea trasferendolo in un luogo ventilato e applicandogli sul corpo delle pezze imbevute di acqua fredda.
Niente ghiaccio, perchè potrebbe causare scompensi e shock cardiaci. E poi, appena possibile, è indispensabile portarlo dal veterinario che somministrerà tutte le cure del caso.

29 giugno 2011 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us