Animali

I tursiopi alzano la voce quando gli umani fanno rumore

Quando le attività umane producono livelli di rumore troppo alti, i tursiopi sono costretti a urlare per farsi sentire tra loro.

Tra le tante forme di inquinamento dei mari causato dalle attività umane, quello acustico è ancora quello meno considerato, soprattutto se confrontato a catastrofi globali come quella delle microplastiche. Eppure per moltissime specie sottomarine la comunicazione è fondamentale: vivere in ambienti troppo rumorosi può creare problemi anche gravi a certe specie.

I tursiopi, per esempio, "parlano" costantemente tra loro e hanno bisogno di silenzio per poter collaborare in modo efficiente; ora un nuovo studio pubblicato su Current Biology dimostra che, quando si trovano in ambienti troppo rumorosi, questi delfini "alzano la voce" per farsi sentire dai compagni – una soluzione che non è sempre sufficiente a contrastare il caos. 

Il test dei due bottoni. Lo studio è stato condotto non su esemplari selvatici, ma in un ambiente controllato – una piscina lunga circa 20 metri nella quale due maschi di nome Delta e Reese sono stati invitati a compiere un esercizio cooperativo in condizioni di rumore crescente.

L'attività prevedeva di premere contemporaneamente due pulsanti situati ai lati opposti della piscina – un risultato che i tursiopi hanno ottenuto grazie a una costante comunicazione fatta di fischi e altri rumori. Una volta svolto l'esercizio, i tursiopi hanno dovuto ripeterlo in condizioni di rumore ambientale (nello specifico, il rumore di uno strumento a pressione che viene usato per pulire l'acqua della piscina) con intensità sempre crescente.

Troppo rumore per loro. I risultati sono quelli previsti: per contrastare l'aumento del volume del rumore di fondo, i tursiopi hanno alzato a loro volta il volume dei fischi, nel tentativo di farsi sentire dal compagno in mezzo al caos. Purtroppo, nonostante i loro sforzi, Delta e Reese hanno visto la loro percentuale di successo crollare in condizioni troppo rumorose: normalmente riuscivano a coordinarsi per premere il bottone simultaneamente nell'85% dei casi, percentuale che cala al 65% quando il baccano è insostenibile.

I tursiopi, quindi, sono disturbati dal troppo rumore, ma non rinunciano a comunicare, alzando la voce pur di farsi sentire dai compagni; ma ci sono casi in cui nemmeno urlare aiuta, perché il frastuono prodotto da noi umani è eccessivo.

22 gennaio 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us