Animali

Come riconoscere gli animali selvatici geneticamente modificati (e perché farlo)

Una tecnica di analisi del DNA ambientale permette di individuare in un'area la presenza di animali geneticamente modificati. Perché è così importante.

Fino a qualche anno fa l'espressione "geneticamente modificato" aveva un qualcosa di misterioso e quasi soprannaturale, ma gli avanzamenti delle tecniche genetiche hanno reso questa condizione sempre più semplice da realizzare, meno costosa e quindi ampiamente utilizzata. Oggi il mondo è pieno di piante e animali geneticamente modificati, da quelli usati per scopi scientifici a quelli disponibili sul mercato (per esempio i pesci d'acquario che sono stati resi fluorescenti per meglio figurare negli acquari).

Siccome si tratta di esemplari esteriormente indistinguibili da quelli "normali", è particolarmente importante riuscire a tracciarli e a sapere sempre dove si trovano: uno studio pubblicato su PNAS propone un nuovo metodo per individuare gli animali geneticamente modificati che si trovino allo stato selvatico, basato su una loro esclusiva proprietà genetica.

È stato modificato? L'analisi del cosiddetto DNA ambientale per tracciare la presenza di certi animali è una tecnica usata ormai da anni: si preleva un campione di suolo in un'area, lo si analizza e si va in cerca di tracce genetiche. È un metodo i cui costi sono stati abbattuti negli ultimi anni, e oggi è considerato più affidabile delle tradizionali tecniche di tracciamento. Nessuno però aveva mai pensato di applicarlo agli organismi geneticamente modificati: il gruppo di ricerca della McGill University ha provato a farlo, e ha scoperto che questi animali lasciano nell'ambiente tracce dei cosiddetti transgeni.

Si tratta di quei geni che sono stati presi da un'altra specie e "installati" sull'animale, o comunque che sono stati introdotti artificialmente nel genoma da noi esseri umani: le tracce genetiche degli animali geneticamente modificati contengono anche transgeni, che possono dire se l'esemplare che si sta tracciando abbia subito modifiche al suo DNA.

Il metodo permette di aggirare i limiti "visivi" dei tracciamenti tradizionali (molto spesso è impossibile distinguere gli animali GM da quelli non GM semplicemente guardandoli) e di tenere traccia dei movimenti di certi esemplari. Ci si potrebbe a questo punto chiedere a cosa serva farlo; la risposta è che, sia che siano stati modificati a scopi commerciali sia che l'editing genetico abbia scopi scientifici, gli animali geneticamente modificati sono ancora un'incognita, e non sappiamo quale impatto possano avere sull'ambiente in cui vivono.

In caso di fuga. Alcuni di questi sono stati introdotti volontariamente in natura; è il caso di certe zanzare che vengono usate per combattere malattie come la malaria, e che vengono modificate in modo da non potersi riprodurre, e poi lasciate libere di unirsi alle loro simili (causando, in teoria, un crollo della popolazione, e quindi, per l'uomo, un crollo del rischio di infezione da puntura): non sappiamo se questo possa causare problemi al loro ecosistema, e poterle tracciare rapidamente è fondamentale.

Discorso che vale ancora di più per tutti quegli animali GM che scappano dagli allevamenti o dai laboratori e si rinselvatichiscono: sapere dove sono andati a finire, e verificare quale sia il loro impatto sull'ambiente, è fondamentale per evitare problemi sul lungo periodo.

15 settembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us