Animali

Alle termiti piace il riscaldamento globale

Più fa caldo, più le termiti aumentano la loro attività: nei prossimi decenni ne sentiremo parlare sempre più spesso.

Ci sono specie che non hanno problemi con il riscaldamento globale, anzi lo amano e festeggiano l'aumento delle temperature del Pianeta? Ovviamente no (non esistono specie animali o vegetali che non verranno in qualche modo danneggiate dai cambiamenti climatici), ma c'è un animale che di tutto il disastro apprezza almeno il fatto che la Terra stia diventando più calda. Stiamo parlando delle oltre 3.000 specie di termiti che popolano il Pianeta, piccoli insetti eusociali famose soprattutto per il loro amore per il legno, e che, come scoperto da uno studio pubblicato su Science, intensificano la loro attività "rosicchiatoria" con l'aumento della temperatura – e quindi potrebbero, nei prossimi decenni, diventare protagoniste della scena ecologica globale.

Più fa caldo più rosicchio. Lo studio, raccontato anche in un articolo su The Conversation, si è concentrato sulle termiti per via del loro ruolo fondamentale nel ciclo del carbonio. Quando mangiano legno morto, infatti, ne riciclano alcune componenti, restituendole al suolo, ma rilasciano anche in atmosfera tutta la CO2 "custodita" dalla materia vegetale, contribuendo quindi in piccola parte all'emissione di gas serra. Il problema è che, a quanto pare, le termiti apprezzano particolarmente i climi più caldi e aridi (cioè la direzione che sta prendendo una grossa parte del pianeta): più fa caldo, più sono attive, e rapide nel mangiare il legno. Le differenze sono clamorose: una colonia di termiti attiva a 30 °C mangia il legno sette volte più velocemente di una attiva a 20 °C.

Vincitori e vinti. Nello studio si legge che le condizioni ideali per le termiti prevedono alte temperature e basso tasso di precipitazioni: troppa acqua rende difficile procacciarsi il cibo, mentre in caso di siccità questi insetti possono sempre attingere a fonti d'acqua sotterranee. Questa considerazione, unita al fatto che le condizioni climatiche di molte aree del pianeta stanno andando proprio in questa direzione, fa pensare che nei prossimi decenni l'attività globale delle termiti accelererà, e con essa il tasso di consumo di legno morto – e il conseguente rilascio di gas serra. "I cambiamenti climatici lasceranno sul campo molti perdenti e pochissimi vincitori" scrivono gli autori dello studio. "E a quanto pare le termiti rientreranno nella seconda categoria".

3 ottobre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us