Gli orfani di Harry Potter

2012_03_the_two_tiny_orphaned_owls-011copia
Due pulcini orfani di gufo (Asio otus) si muovono liberamente nella casa del loro proprietario, Jimmy Robinson, prediligendo la libreria e le tazze da tè, in cui giocano e si nascondono.|Peter Willows /Bournemouth News & Picture Service/Iberpress
Da Hogwarts al centro recupero rapaci, passando dal comò casalingo. È questa la fine di centinaia di gufi e civette in Gran Bretagna: acquistati come animali domestici sulla scia di Harry Potter e poi liberati nei boschi, a moda passata, perché troppo difficili da gestire.
Dopo i dalmata della “Carica dei 101”, i pesci pagliaccio di “Alla ricerca di Nemo” e le tartarughe de “Le tartarughe Ninja”, ora tocca ai rapaci raccogliere la triste eredità della famosa serie di Harry Potter.
L'allarme è stato lanciato qualche giorno fa dal Daily Mirror, secondo il quale l'Owlcentre di Corwen, un centro di recupero rapaci nel Galles, prima dell'inizio della saga del maghetto ospitava solo sei gufi, mentre ora se ne contano un centinaio. Gli esemplari abbandonati, abituati alla vita in cattività, rischiano di morire di fame, incapaci di procurarsi il cibo da soli.
Far vivere un gufo tra le mura domestiche richiede cure e attenzioni particolari, oltre a uno spazio adeguato. Questo rapace, che può vivere anche 20 anni, ha bisogno ad esempio di sbattere le ali almeno 5 volte prima di posarsi sul trespolo dopo il volo, pena una pericolosa infezione toracica. Certo non è pensabile far vivere in un monolocale un Gufo Reale Europeo (Bubo bubo) dall'apertura alare che può raggiungere i 2 metri, eppure un signore inglese ci ha provato (l'animale è stato poi salvato dai volontari del centro).
La speranza per i due pulcini di gufo (Asio otus) della foto, cresciuti in casa tra libri e soprammobili, è che il loro proprietario garantisca loro un ambiente idoneo e tutte le cure che la loro natura richiede anche quando cresceranno. Non certo sul comò, come nella famosa filastrocca.

Molla, la civetta bergamasca che adora le coccole.

Pennuti in passerella: guarda le più belle foto di uccelli.

In volo con i rapaci più veloci del mondo.
29 Maggio 2012 | Rebecca Mantovani