Animali

Per i tardigradi il mondo è in bianco e nero

I tardigradi, tra gli animali più resistenti del mondo, non vedono i colori, ma solo differenti intensità di luce. Come le immagini delle vecchie tv in bianco e nero.

Più cose scopriamo sui tardigradi più li vediamo come animali straordinari, quasi miracolosi. Minuscoli, raramente più lunghi di 1 mm, si sono guadagnati la fama di essere creature invulnerabili, in grado di sopravvivere in situazioni estreme: temperature troppo alte o troppo basse per qualsiasi altro essere vivente, esposizione prolungata ai raggi UV, persino viaggi spaziali.

In bianco e nero. C'è però una cosa che noi umani sappiamo fare e i tardigradi no: vedere il mondo a colori. Un nuovo studio pubblicato su Genome Biology and Evolution svela che, nonostante gli occhi di alcuni tardigradi producano le stesse proteine che noi umani usiamo per distinguere i colori, questi minuscoli invertebrati non sono in grado di fare lo stesso, e la loro visione si basa soprattutto sulla differente intensità della luce ambientale.

Che la vista non sia il punto di forza dei tardigradi lo dimostra tra l'altro il fatto che non tutti hanno gli occhi, e anche quelli che li posseggono sono provvisti di strutture relativamente semplici, composte di poche cellule fotosensibili e soprattutto sono privi di lenti. Questo significa che, colori a parte, gli occhi dei tardigradi non sono in grado di formare immagini definite, ma vedono il mondo solo come un insieme di macchie di luce e ombra.

Non troppo diversi, dopotutto. Gli occhi dei tardigradi, però, producono le stesse proteine utilizzate dagli altri invertebrati, ma anche da noi umani, per distinguere i colori: si chiamano opsine e reagiscono alla luce. Nel caso dei nostri occhi, le opsine prodotte sono di diverso tipo, e ciascuna reagisce a una diversa lunghezza d'onda: abbiamo quelle che rilevano il rosso, quelle per il verde e quelle per il blu. Per i tardigradi la situazione è apparentemente identica: quelli che hanno occhi hanno anche differenti versioni delle opsine, il che potrebbe suggerire che vedano a colori.

In realtà la situazione per i tardigradi è molto più grigia: studiando l'attività delle opsine negli occhi dei tardigradi i ricercatori hanno scoperto che le diverse varietà non rispondono a diverse lunghezze d'onda; la loro attivazione è piuttosto legata alle diverse fasi della vita dell'animale.

Inspiegabile! Una conclusione sorprendente e in parte inspiegabile, soprattutto perché alcune delle opsine più attive si sono dimostrate essere quelle che vengono prodotte quando gli animali sono ancora nell'uovo, e dunque non hanno bisogno di occhi. È addirittura possibile che i tardigradi usino le opsine per scopi che non hanno nulla a che fare con la visione - ma si tratta solo di un'ipotesi ancora tutta da dimostrare.

Quello che è certo è che, in base all'analisi dei loro occhi, sembra chiaro che i tardigradi non vedono i colori: sono quasi invincibili, ma il loro mondo è in bianco e nero.

21 agosto 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us