Animali

Tre diverse specie di T. rex? No, dice un nuovo studio

Qualche mese fa, uno studio propose la provocatoria teoria che il Tyrannosaurus rex fosse in realtà tre specie diverse; ora l'idea viene respinta.

Nello scorso mese di marzo il mondo della paleontologia è stato scosso da uno studio pubblicato su Evolutionary Biology che avanzava una teoria rivoluzionaria e provocatoria. Il Tyrannosaurus rex, si leggeva nel paper, non è una sola specie, ma tre specie diverse, ribattezzate per l'occasione rex, regina e imperator. L'idea non ha però convinto del tutto il settore, e ora un nuovo studio pubblicato sulla stessa rivista smentisce le conclusioni del lavoro precedente, fornendo prove più approfondite e scientificamente solide dell'unicità di T. rex come specie.

UGUALI ma diversi. Lo studio di marzo partiva da una considerazione: c'è un'estrema variabilità di forme e dimensioni tra i fossili attribuiti a T. rex. Secondo gli autori, questo era indicativo del fatto che il tirannosauro non fosse una singola specie, ma tre specie separate di forma e dimensioni molto diverse.

Il nuovo studio si basa sugli stessi dati di partenza, che sono stati rianalizzati per l'occasione e integrati con altri dati simili, in particolare un confronto con 112 diverse specie di dinosauri non estinti – cioè uccelli. E se è vero che superficialmente ci sono differenze anche notevoli tra i diversi resti di T. rex, il nuovo studio dimostra che in realtà si tratta di discrepanze trascurabili e statisticamente poco significative.

Prove inconfutabili. Secondo gli autori, lo studio di marzo è stato condotto «su un campione troppo limitato, usando tecniche statistiche improprie e confrontando tra loro grandezze non paragonabili». In altre parole, il team guidato da Thomas Carr sostiene che quell'analisi, firmata come primo autore dal ricercatore freelance Gregory S. Paul, giunge a conclusioni sbagliate perché sbagliati sono i metodi utilizzati.

Uno degli autori della confutazione, James Napoli, spiega che «l'affermazione iniziale "che esistano tre diverse specie di Tyrannosaurus rex" è basata su un campione molto limitato. Se confrontiamo il T. rex con centinaia di uccelli moderni, scopriamo che le variazioni all'interno della specie sono minime e trascurabili». Un altro degli autori, David Hone, ha concluso così: «La possibilità che ci siano altre specie di Tyrannosaurus rimane, ma per confermarla servono prove inconfutabili».

7 agosto 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us