Animali

Svelato il patto goloso tra l’indicatore del miele e le tribù africane: l’uccello “capisce” meglio il dialetto locale

C'è un uccello che ha imparato a "sfruttare" l'uomo mostrandogli gli alveari più succulenti, ma si attiva di più se sollecitato nel "dialetto" che ha appreso "culturalmente".

Che cosa fa in Africa un uccello selvatico quando incontra un uomo? Generalmente scappa, a meno che non sia l'indicatore golanera (Indicator indicator). In tal caso gli svolazza in alto sopra la testa emettendo richiami, perché sa che l'uomo può facilmente accedere, utilizzando un'ascia e il fumo per stordire le api, al contenuto di un alveare di cui l'uccello conosce la posizione, prendersi il miele e lasciare al volatile la cera di cui si nutre. A suon di fischi e voli direzionali, l'indicatore sa condurre con perizia i cercatori di miele fino all'alveare da saccheggiare per spartirsi con loro il bottino. E se questi non sono nei paraggi, l'indicatore golanera va a cercarli anche per chilometri.

Un nuovo studio. Vi avevamo già parlato della collaborazione, instaurata da tempo immemorabile, fra questo uccello selvatico e i cercatori di miele di alcune etnie dell'Africa orientale, ma da un po' di tempo questi uccelli sono ancora sotto i riflettori di etologi e antropologi, che hanno pubblicato un nuovo studio su Science. La ricerca, firmata da Claire Spottiswoode, del Dipartimento di zoologia dell'Università di Cambridge, e dall'antropologo Brian Wood, dell'Università di California, ha appurato che fra gli indicatori e i cercatori di miele si sono instaurati differenti modi di comunicare a seconda delle località in cui si trovano.

In dialetto. In altre parole, se il rapporto istintivo con l'uomo è da considerare una coevoluzione (adattamento evolutivo in rapporto mutuo) ereditabile geneticamente dall'indicatore golanera, la comunicazione vocale viene appresa culturalmente in diverse forme dialettali. Per esempio, quando i cacciatori raccoglitori Hadza della Tanzania vogliono chiamare un uccello indicatore, fanno un particolare fischio melodico che suscita tre volte di più la sua risposta collaborativa rispetto a quando i cercatori appartengono ad altre tribù e usano vocalizzazioni diverse.

Basta un trillo. Gli Yao del Mozambico chiamano invece i locali indicatori golanera con un trillo, facendo vibrare la lingua sul palato, seguito da un suono gutturale, e ottengono la loro attenzione almeno due volte di più rispetto ai richiami effettuati da cercatori estranei.

Mimetizzarsi con un fischio. Le vocalizzazioni "dialettali" vengono culturalmente trasmesse, da secoli, se non millenni, presso i cercatori di miele delle diverse etnie. E risalgono a diversi adattamenti, alle tattiche venatorie e all'ambiente. Per esempio, il fischio melodioso degli Hadza, che assomiglia molto a quello di un uccello, serve a non insospettire altri animali selvatici che questi cacciatori e raccoglitori sono sempre pronti a sorprendere e a colpire con le loro frecce avvelenate.

Caccia grossa. Presso gli Hadza (o Hadzabe), la ricerca del miele, alimento che contribuisce fino al 20 per cento del loro fabbisogno calorico, avviene in contemporanea alle battute di caccia, per esempio all'antilope kudu. La comparsa di un indicatore golanera fa dividere il gruppo: una parte interrompe la ricerca del mammifero per andare a saccheggiare l'alveare seguendo il volatile, come mostra il video qui sotto girato da noi di Focus.

Elefante avvisato… Gli Yao del Mozambico chiamano invece gli uccelli indicatori con un suono dal timbro chiaramente umano, per rivelare la loro presenza anche a elefanti e bufali, tutt'altro che rari in quell'area. Meglio avvisarli, in modo da non incontrarli all'improvviso nella boscaglia e rischiare una carica per reazione.

4 gennaio 2024 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us