Animali

Svelato il mistero del video dell'aquila predatrice

Il video di un'aquila che ghermisce un bambino al parco ha fatto il giro del mondo. Ora uno studente svela la verità: è un falso realizzato per la scuola di effetti speciali.

I genitori di Montreal possono dormire sonni tranquilli: i parchi della loro città sono sicuri. E non c'è nessuna aquila a caccia di cuccioli d'uomo.
La rassicurazione che svela il mistero del video qui sotto arriva da una scuola di computer grafica che ha rassicurato tutti annunciando sul suo sito che il filmato - che ieri ha fatto il giro del web - è stato realizzato da quattro suoi studenti come tesina per il corso in animazione 3D e digital design. Aquila e bambino sono stati creati con un software di animazione 3D e sono stati aggiunti in un secondo tempo a un filmato.

La notizia continua sotto il video.

Il video (che ieri abbiamo presentato qui con molto scetticismo) aveva attirato l'attenzione di milioni di utenti su YouTube e innumerevoli discussioni sulla veridicità del filmato. Alcuni indizi, prima della smentita ufficiale, avevano già fatto pensare a un falso: a un certo punto l'ombra dell'aquila compare e scompare; in un frame l'ala del rapace diventa trasparente; ci sono alcune imperfezioni nel volo; il predatore è un giovane esemplare di aquila imperiale (Aquila heliaca), una specie che non si trova nel nord America.

I colpevoli
I quattro studenti, Normand Archambault, Loïc Mireault, Antoine Seigle e Félix Marquis-Poulin, hanno già prodotto un altro video altrettanto realistico simulando la fuga di pinguini dallo zoo di Montreal, come si vede nel video qui sotto.

Sempre a proposito di animali, pinguini e computer grafica, c'è un celebre filmato della BBC utilizzato come pesce d'aprile nel 2008 per lanciare un nuovo canale video su Internet. Nel video i giornalisti della televisione britannica annunciavano e mostravano la scoperta di una specie di pinguini volanti. E molti utenti ci cascarono.

20 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us