Animali

I supervermi che mangiano il polistirene

Le larve di un tenebrionide, note come supervermi, potrebbero aiutarci a smaltire una forma molto diffusa di plastica.

Nonostante il nome da film dell'orrore, i tenebrionidi sono una famiglia di coleotteri innocui e diffusi in tutto il mondo, e le larve di alcuni (la famiglia conta circa 15.000 specie) sono usate come mangime per animali. Al contrario, nonostante il nome innocuo, il polistirene è uno dei materiali più inquinanti del mondo: è una delle plastiche più usate, non è facile da riciclare e sta invadendo anche gli oceani. Qual è il collegamento tra tenebrionidi e polistirene? Stando a uno studio pubblicato su Microbial Genomics, alcuni tenebrionidi potrebbero essere una soluzione allo smaltimento del polistirene: le loro larve, note come supervermi, riescono a digerire senza problemi anche la plastica.

Cosa sono i supervermi? Il tenebrionide protagonista di questa storia è lo Zophobas morio, in particolare le sue larve, che in inglese vengono chiamate "superworm", supervermi: sono lunghe fino a 6 cm, facili da allevare e particolarmente ricche di sostanze nutritive, e per questo vengono vendute come mangime per animali di ogni tipo, dai pesci agli uccelli passando per lucertole e tartarughe.

I supervermi crescono così rapidamente perché mangiano qualsiasi cosa si trovino davanti - polistirene compreso. Questo dettaglio non è una novità: è stato scoperto già nel 2016 da uno studente dell'università di Manila, che concludeva il suo articolo suggerendo di approfondire le capacità digestive dei supervermi. Qualche anno dopo, un team dell'università del Queensland ha accolto il suo consiglio, e per tre settimane ha nutrito un gruppo di larve di Zophobas esclusivamente a polistirene.

Digestione pesante. La prima notizia è che i supervermi l'hanno mangiato senza battere ciglio, e digerito senza problemi. La seconda è che non sono morti, anzi hanno addirittura messo su un po' di peso: significa che riescono a ricavare una minima quantità di nutrienti anche dalla plastica. Ovviamente questo non significa che gli animali abbiano prosperato: raggiunta l'età adulta hanno mostrato diversi problemi di salute e un impoverimento del microbioma intestinale.

Ecco perché l'idea di usare i supervermi per divorare tutta la plastica del mondo è impraticabile: piuttosto, il team ha in programma di analizzare il microbioma per individuare le sostanze che permettono alle larve di digerire la plastica, e per capire se sia possibile ricreare questo processo in un ambiente artificiale - e, per usare le parole di Chris Rinke, primo autore dello studio, "togliere i supervermi dell'equazione".

30 giugno 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us