Animali

Sui capodogli forse Melville aveva ragione

L'enorme testa bulbosa di Moby Dick potrebbe davvero giocare un ruolo importante negli speronamenti tra maschi e con le navi: sembra studiata apposta per attutire i colpi.

La grossa testa del capodoglio potrebbe essere stata selezionata dall'evoluzione anche in relazione al comportamento aggressivo tra maschi: quei rari speronamenti tra rivali che hanno ispirato un intero filone letterario (non ultimo Moby Dick di Herman Melville).

A dare nuovo credito a un'ipotesi proposta per la prima volta nell'Ottocento, ma non largamente accettata dalla comunità scientifica, è uno studio condotto tra Australia, Inghilterra, Stati Uniti e Giappone.

«Sappiamo che la testa del capodoglio è importante nell'ecolocalizzazione e ci sono molte altre ipotesi sul suo ruolo nella comunicazione e nel galleggiamento. Ma nessuna spiega come possa essere potenzialmente capace di affondare navi di 4-5 volte la massa del cetaceo» dice David Carrier, tra gli autori.

La caccia del capodoglio di William Page (1835)

Antishock. I ricercatori hanno elaborato un modello computerizzato per studiare l'impatto meccanico dello speronamento tra maschi o con una nave sullo scheletro dell'animale. Hanno così scoperto che le strutture connettive presenti nella giunca, una struttura che si trova davanti alla testa del capodoglio, sopra alla mascella superiore e sotto alla cassa che contiene lo spermaceti (la sostanza cerosa per cui il capodoglio è stato a lungo cacciato), serve ad attutire i colpi violenti e a prevenire eventuali fratture del cranio.

Vizio di famiglia. Anche se i maschi di capodoglio non si speronano spesso, è un comportamento tipico degli artiodattili, i mammiferi ungulati (come gli ippopotamidi) con cui i cetacei sono imparentati. La struttura del loro cranio potrebbe essere il risultato di tratti acquisiti, legati al comportamento aggressivo maschile.

7 aprile 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us