Animali

Guerra in Ucraina: è anche strage di delfini nel Mar Nero

L'invasione russa in Ucraina sta avendo un impatto negativo anche sulle popolazioni di delfini del Mar Nero.

A febbraio di quest'anno la Russia ha invaso l'Ucraina, dando inizio a una guerra che sta mietendo migliaia di vittime e distruggendo intere città – e che sta colpendo anche l'ecosistema locale in modi che probabilmente capiremo solo alla fine del conflitto. Ci sono già parecchi esempi di come le operazioni militari stiano impattando sulla fauna dell'area e sui loro habitat, e probabilmente il più clamoroso riguarda i delfini.

Dall'inizio della guerra, riportano gli esperti dell'Accobams (un trattato internazionale per la conservazione dei cetacei nel Mediterraneo e nel Mar nero), più di 700 delfini e focene sono morte a causa dell'attività militare, con vittime registrate in diversi Paesi del bacino del Mar Nero tra cui Bulgaria, Romania, Turchia e ovviamente Ucraina.

I danni dei missili. Le attività militari, in realtà, mettono a rischio l'intero ecosistema del Mar Nero e delle sue coste; i cetacei sono solo le vittime più evidenti, e quelle che hanno fatto scattare l'allarme più urgente. Molti delfini si sono spiaggiati, morti o morenti, con il corpo coperto di ferite e bruciature: è probabile che siano stati presi nel fuoco incrociato dei due eserciti in guerra.

Altri esemplari portano invece i segni di uno incontro ravvicinato con una bomba o una mina. Infine, parlando di esemplari ancora vivi, l'Accobams ha osservato delfini e focene che sembrano fare fatica a nuotare in linea retta, e la cui magrezza suggerisce un digiuno più o meno forzato. Anche in questo caso, la colpa è conflitto.

Troppo rumore. I delfini, come tutti i cetacei, usano il suono come strumento di navigazione (si chiama ecolocazione, la stessa usata per esempio dai pipistrelli), e vengono disturbati dal rumore delle barche: un problema comune anche in tempo di pace nel Mediterraneo, che è un mare stretto e affollato nel quale balene e delfini hanno sempre più problemi a orientarsi. In una zona di guerra il problema è amplificato, visto che al normale rumore delle imbarcazioni si aggiungono missili, bombe e sonar.

Il costante rumore di fondo nei loro habitat originari sta quindi spingendo i cetacei a cercare il cibo altrove, spesso più vicino alla costa, dove rischiano però di rimanere intrappolati nelle reti per la pesca a strascico. Insomma, oltre a tutto quello che sta causando in termini di perdite per l'umanità, la guerra in Ucraina sta facendo male anche a delfini e focene (e con ogni probabilità altri cetacei). Quanto male non lo sappiamo ancora: per quello dobbiamo aspettare che l'invasione finisca, e ci auguriamo che succeda presto.

12 novembre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us