Animali

Lo squalo-aquila: una specie finora sconosciuta (ed estinta)

Lunghe pinne simili ad ali, con le quali nuotava negli oceani del Cretaceo, e un aspetto solo apparentemente feroce: è lo squalo-aquila, vissuto 93 milioni di anni fa.

Era il 2012 quando a Vallecillo, in Messico, un team di ricercatori internazionale portò alla luce i resti fossili di un animale dall'aspetto poco familiare...: a quasi dieci anni di distanza gli esperti hanno scoperto che si trattava di una specie di squalo finora sconosciuta, che nuotava nelle acque dell'attuale Golfo del Messico 93 milioni di anni fa, all'epoca dei dinosauri. Lo squalo, nome scientifico Aquilolamna milarcae, era caratterizzato da lunghe pinne pettorali simili ad ali, che gli sono valse il nome di squalo-aquila. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati su Science.

Gigante buono. I resti fossili del primo squalo-aquila mai ritrovato hanno permesso ai ricercatori di ricostruire l'aspetto dell'antico animale: lungo 1,65 metri, aveva due pinne pettorali di quasi due metri e una bocca gigantesca. Dalla descrizione sembrerebbe il terrore degli oceani dell'epoca, ma in realtà l'A. milarcae non faceva del male a una mosca: era planctivoro, ovvero si nutriva di plancton, caratteristica ipotizzata dai ricercatori data la presenza di minuscoli denti, troppo piccoli per poter azzannare una qualunque preda più consistente.

Fossile di squalo aquila
Il fossile di squalo aquila ritrovato a Vallecillo, in Messico. © Wolfgang Stinnesbeck

Chimera. L'A. milarcae condivideva alcuni tratti fisici con gli squali volpe pelagici (Alopias pelagicus), diffusi oggi nell'Oceano Pacifico e Indiano, e sfoggiava una pinna caudale con un lobo superiore (la parte alta della coda) ben sviluppato, come quella di balene e squali tigre; le lunghe pinne simili ad ali, infine, ricordano quelle di una grossa manta.

Una nuova famiglia. La scoperta dello squalo-aquila arricchisce la fauna del Cretaceo di una nuova categoria di planctivori: finora i ricercatori erano infatti a conoscenza di un'unica famiglia di animali che si nutrivano di plancton, i Pachycormidae, un gruppo di pesci ossei estinti. Gli Aquilolamnidae diventano dunque la seconda famiglia di planctivori del Cretaceo, e lo squalo aquila ne è (per ora) l'unico rappresentante.

1 aprile 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di coriosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us