Animali

Spermatozoi giganti ritrovati in una grotta australiana

Un crostaceo “fossile” con un enorme spermatozoo si è conservato per 16 milioni di anni in un sito australiano. Cosa dice l'evoluzione di questa curiosità?

In sintesi

La notizia è importante per due motivi:

1. Il ritrovamento risale a circa 16 milioni di anni fa e l'animale è perfettamente conservato;

2. Il minuscolo crostaceo possedeva spermatozoi giganti.
Un vero dilemma evolutivo: perché alcuni animali (ce ne sono diversi) hanno spermatozoi giganteschi?

In questo articolo vi raccontiamo il ritrovamento e spieghiamo che cosa ne pensano gli studiosi.

In una zona fossilifera australiana, chiamata Riversleigh Heritage Area, che racchiude materiale da 5 a 25 milioni di anni fa, è stato scoperto un minuscolo crostaceo.

Al suo interno l’animale fossilizzato, un appartenente alla classe degli ostracodi, ha uno spermatozoo gigante: raggiunge la lunghezza di oltre un millimetro, un po’ più lungo del suo corpo (gli spermatozoi umani sono lunghi circa 60 micron, 17 volte più piccoli).

L’eccezionalità della scoperta, pubblicata da un gruppo di ricerca internazionale su Proceeding of the Royal Society B, non sta solo nel “gigantismo” della cellula sessuale maschile, ma nel fatto che il minuscolo essere è stato trovato con quasi tutto il corpo intatto dopo così tanto tempo. Il tutto risale infatti a circa 16 milioni di anni fa, quando il luogo era una grotta in una foresta tropicale.

Guano di pipistrelli
La grotta ospitava, come accade spesso ancora oggi, una colonia di pipistrelli; il loro guano depositato per millenni, ha coperto e perfettamente conservato il corpo dei piccoli crostacei (delle specie Heterocypris collaris e Newnhamia mckenzianae) con la loro struttura interna.

Insieme allo spermatozoo, si può vedere infatti anche l’organo di Zenker, che serve a trasportare le cellule sessuale verso le femmine, e altri organi interni. L’eccezionale scoperta conferma che gli ostracodi hanno evoluto molto tempo fa il “gigantismo” degli spermatozoi, una strategia presente anche in altre specie (come la Drosophila bifurca, il cui spermatozoo è lungo 5 centimetri). E che inoltre la strategia è evolutivamente di successo, perché si è conservata per milioni di anni.

Dilemma evolutivo
Ma perché questi crostacei, le drosofile e altri animali hanno sviluppato gli spermatozoi giganti, quando tutto il resto del mondo animale produce cellule sessuali maschili in grandi quantità, ma molto piccole? Non è facile spiegare il paradosso, ma secondo alcune ipotesi gli spermatozoi di grandi dimensioni sono un carattere sottoposto alla cosiddetta selezione sessuale, un po’ come la coda del pavone o il piumaggio degli uccelli del paradiso. Una volta che la femmina dimostra di “preferire” gli spermatozoi più grandi, è possibile che si inneschi una specie di corsa agli armamenti e i maschi iniziano a evolvere cellule sessuali sempre più grandi.

Potrebbe però anche essere un caso di competizione spermatica che avviene dopo la riproduzione; in questo caso solo gli spermatozoi più robusti riescono ad arrivare in fondo al tratto riproduttivo della femmina, che è lungo e convoluto. Insomma, anche da un minuscolo fossile con un curioso carattere corporeo possono sorgere grandi domande su come funziona la natura.


Nel video qui sotto (© Nature video) una ricostruzione del piccolo crostaceo, con gli strumenti utilizzati per studiarlo e le sezioni che mostrano dove si trovasse il grandissimo spermatozoo.

15 maggio 2014 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us