Animali

Siamo riusciti a "parlare" con una megattera (ci siamo detti "ciao!")

Per la prima volta abbiamo stabilito una forma di comunicazione con una megattera, usando il suo linguaggio. Gli argomenti? Per ora ci siamo scambiati un "ciao".

Un paio di anni fa vi avevamo raccontato dei tentativi di un'equipe di ricerca di imparare il linguaggio delle balene usando un algoritmo, con lo scopo ultimo di riuscire un giorno ad avere una conversazione con un cetaceo. Ebbene, pare che ce l'abbiamo fatta, anche se non usando i metodi previsti: lo racconta uno studio pubblicato su PeerJ e che riferisce di una "conversazione" avuta dal team guidato da Brenda McCowan della University of California, Davis con una megattera di nome Twain. Gli argomenti? A questo livello non ci siamo ancora arrivati: per ora il team è riuscito a scambiarsi un "ciao".

"Ciao, megattera!". Come molti cetacei, le megattere parlano (o meglio cantano) in continuazione: i loro richiami sono alla base della loro complessa vita sociale, e servono sia alla comunicazione tra genitore e figlio sia per quella tra adulti – vi avevamo parlato delle loro canzoni qui. Il team della UC Davis ha collaborato con la Alaska Whale Foundation e persino con il SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence, l'organizzazione di ricerca che si occupa di studiare la vita al di fuori de nostro pianeta) per mettere in scena la conversazione tra Twain e… gli altoparlanti di una barca, sulla quale si trovava l'intero team. Il natante ha raggiunto il largo della costa dell'Alaska e ha lanciato un contact call, un tipo di richiamo che viene usato per stabilire un primo contatto tra due megattere e che equivale di fatto a un nostro saluto.

"Ciao, barca!". Twain ha risposto quasi subito, si è avvicinato alla barca e ha cominciato a nuotarle intorno. Il team ha così ripetuto il suo richiamo, cambiando ogni volta l'intervallo di tempo tra un suono e l'altro. Twain ha reagito da par suo, rispondendo a ogni richiamo e rispettando anche le pause stabilite dagli umani: se la barca lanciava due richiami a cinque secondi di distanza l'uno dall'altro, anche la megattera attendeva lo stesso tempo. Secondo il team, è un segnale che l'animale stava ascoltando e rispondendo – e probabilmente, aggiungiamo noi, pensando a quanto noiosa fosse una conversazione fatta di soli "ciao!". Per arrivare a chiacchierare seriamente con le megattere la strada è ancora lunga, ma con Twain abbiamo fatto un primo passo forse decisivo.

26 dicembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us