Animali

Siamo riusciti a "parlare" con una megattera (ci siamo detti "ciao!")

Per la prima volta abbiamo stabilito una forma di comunicazione con una megattera, usando il suo linguaggio. Gli argomenti? Per ora ci siamo scambiati un "ciao".

Un paio di anni fa vi avevamo raccontato dei tentativi di un'equipe di ricerca di imparare il linguaggio delle balene usando un algoritmo, con lo scopo ultimo di riuscire un giorno ad avere una conversazione con un cetaceo. Ebbene, pare che ce l'abbiamo fatta, anche se non usando i metodi previsti: lo racconta uno studio pubblicato su PeerJ e che riferisce di una "conversazione" avuta dal team guidato da Brenda McCowan della University of California, Davis con una megattera di nome Twain. Gli argomenti? A questo livello non ci siamo ancora arrivati: per ora il team è riuscito a scambiarsi un "ciao".

"Ciao, megattera!". Come molti cetacei, le megattere parlano (o meglio cantano) in continuazione: i loro richiami sono alla base della loro complessa vita sociale, e servono sia alla comunicazione tra genitore e figlio sia per quella tra adulti – vi avevamo parlato delle loro canzoni qui. Il team della UC Davis ha collaborato con la Alaska Whale Foundation e persino con il SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence, l'organizzazione di ricerca che si occupa di studiare la vita al di fuori de nostro pianeta) per mettere in scena la conversazione tra Twain e… gli altoparlanti di una barca, sulla quale si trovava l'intero team. Il natante ha raggiunto il largo della costa dell'Alaska e ha lanciato un contact call, un tipo di richiamo che viene usato per stabilire un primo contatto tra due megattere e che equivale di fatto a un nostro saluto.

"Ciao, barca!". Twain ha risposto quasi subito, si è avvicinato alla barca e ha cominciato a nuotarle intorno. Il team ha così ripetuto il suo richiamo, cambiando ogni volta l'intervallo di tempo tra un suono e l'altro. Twain ha reagito da par suo, rispondendo a ogni richiamo e rispettando anche le pause stabilite dagli umani: se la barca lanciava due richiami a cinque secondi di distanza l'uno dall'altro, anche la megattera attendeva lo stesso tempo. Secondo il team, è un segnale che l'animale stava ascoltando e rispondendo – e probabilmente, aggiungiamo noi, pensando a quanto noiosa fosse una conversazione fatta di soli "ciao!". Per arrivare a chiacchierare seriamente con le megattere la strada è ancora lunga, ma con Twain abbiamo fatto un primo passo forse decisivo.

26 dicembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us