Animali

"Serpente! No, corvo!": il dizionario d'allarme delle cinciallegre

Questi pennuti hanno sviluppato richiami specifici a seconda del predatore che li minaccia: la prova che anche gli uccelli sanno comunicare le diverse situazioni di pericolo.

Quando un predatore si avvicina pericolosamente al loro nido, le cinciallegre (Parus major) alzano la voce. E in modo tutt'altro che casuale: questi uccelli emettono canti d'allarme differenti a seconda del tipo di intruso con cui hanno a che fare. La scoperta pubblicata sulla rivista scientifica Animal Behaviour è la prima a dimostrare che gli uccelli sanno comunicare vocalmente il tipo di predatore che sta per aggredirli.

Già in passato Toshitaka Suzuki, ricercatore della Graduate University for Advanced Studies di Kanagawa (Giappone), aveva dimostrato che le cinciallegre sono in grado di distinguere tra i diversi predatori che le minacciano. Per capire se questi pennuti sappiano anche comunicare i differenti pericoli in agguato, Suzuki ha sistemato diversi modellini di nemici dei piccoli uccelli (serpenti, corvi, faine) intenti ad attaccare un nido accanto ai nidi reali dei volatili.

L'etologo ha quindi registrato i versi delle cinciallegre: quando in agguato c'era un serpente, gli uccelli hanno prodotto suoni simili a un "jar" mentre per corvi e faine il vocalizzo è stato simile a "'chicka".

Analisi più approfondite hanno mostrato come in realtà gli uccelli utilizzino diverse combinazioni di suoni per modulare i richiami d'allarme per corvi e faine, che risultano simili, ma non sono identici: è quello che Suzuki definisce un "sistema d'allarme combinatorio", cioè la capacità di combinare diverse note per formare richiami di diverso significato (un po' come noi combiniamo diverse lettere per formare le varie parole).

Poiché i serpenti possono velocemente strisciare fino al nido - e costituiscono pertanto un pericolo maggiore rispetto a corvi e faine - le cinciallegre hanno evoluto per difendersi da essi un richiamo specifico e immediatamente riconoscibile. Per tutto il resto, ricorrono a svariate combinazioni sonore.

Ti potrebbero interessare anche:

C'è traffico, e le cinciallegre alzano la voce
L'uccello australiano che insegna a cantare alle proprie uova
I circuiti cerebrali che governano il canto degli uccelli
L'uccello che imita l'allarme di un'auto. E il suono delle motoseghe

Gli artisti del cielo
VAI ALLA GALLERY (N foto)

I nidi esagerati degli uccelli tessitori
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Pennuti in passerella
VAI ALLA GALLERY (N foto)

22 novembre 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us