Animali

Serpente antichissimo con gambe in bella vista

Immaginare un cobra con le zampe può farci sorridere (o tremare di paura), ma, in una loro particolare fase evolutiva, questi rettili apparvero proprio così, come conferma uno dei rari fossili di serpente "bipede" rinvenuto in Libano. (Elisabetta Intini, 11 aprile 2008)

Un serpentone fossile vissuto 92 milioni di anni fa è giunto fino a noi grazie a una roccia calcarea, che l'ha preservato per tutto questo tempo. Fin qui niente di strano, se non fosse per quella piccola, tozza protuberanza all'altezza della coda: una gamba fatta e finita, con tanto di femore, tibia e perone. Dal 2000, anno del ritrovamento del reperto, gli scienziati aspettavano di sapere dove fosse finita l'altra zampa del rettile, visto che sulla superficie della roccia se ne scorgeva soltanto una. A risolvere il rompicapo ci ha pensato una sofisticata tecnica ai raggi x in uso presso l'European Light Source (Esrf) a Grenoble, in Francia, che ha permesso agli scienziati di vedere anche l'altro arto, rimasto incastrato in uno strato inferiore del masso. Il protagonista di questa vicenda è un esemplare di Eupodophis descouensi, un serpente lungo 85 centimetri e munito di due zampe posteriori che, con ogni probabilità, gli erano del tutto inutili. Saranno invece utilissime ai ricercatori, che useranno questo reperto - insieme agli altri rarissimi fossili di serpenti bipedi scoperti finora, come quello raccontato da Focus.it nel 2006 (vedi) - per fare luce sull'origine ancora misteriosa di questi animali. Tra gli scienziati infatti c'è chi giura che i serpenti discendono da lucertoloni preistorici che persero progressivamente le zampe, e chi invece propende per una loro origine acquatica.

10 aprile 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us