Animali

Scoperto in Australia il fossile di un rapace simile a un'aquila

Il rapace vissuto 25 milioni di anni fa aveva lunghe zampe e grandi artigli per afferrare le prede, ma piccole ali per muoversi agile tra le foreste dell'epoca.

È stato rinvenuto in Australia un fossile di una specie di rapace finora sconosciuta vissuto 25 milioni di anni fa: si tratta di uno dei fossili della famiglia Accipitridae (la stessa di aquile, falchi e avvoltoi) più antichi mai ritrovati nel continente. La nuova specie, battezzata Archaehierax sylvestris, era più piccola e snella dell'aquila codacuneata (Aquila audax), diffusa oggi in Australia, ma secondo i ricercatori era la più grande dell'epoca: «Con una distanza di quasi 15 centimetri tra gli artigli, poteva afferrare prede piuttosto grandi», sottolinea Ellen Mather, coordinatrice dello studio pubblicato su Historical Biology.

A caccia nella foresta. I resti dell'Archaehierax sono stati rinvenuti sulle rive di un lago prosciugato nel sud dell'Australia, dove milioni di anni fa sorgevano foreste lussureggianti. Come faceva una simil-aquila a cacciare in mezzo ai boschi, senza sbattere contro rami e alberi? Potrebbe essere stata facilitata dalla sua conformazione fisica: «Le ali erano corte per un rapace della sua stazza, mentre le zampe erano relativamente lunghe e la aiutavano a catturare le prede», spiega Mather. Questi tratti rendevano il rapace un volatore agile, ma non particolarmente veloce: le sue prede erano koala, opossum e tutti gli animali che all'epoca vivevano sugli alberi.

Scoperta inaspettata. La scoperta ha emozionato i ricercatori: «All'epoca questo tipo di rapaci era in cima alla catena alimentare, e per questo ne esistevano pochi esemplari», spiega Trevor Worthy, uno degli autori. «È raro trovare un solo osso di aquila fossilizzato: trovare uno scheletro quasi intero è stata una fortuna insperata!». Secondo quanto rilevato dallo studio, l'Archaehierax non apparterrebbe ad alcun genere o sottofamiglia vivente, ma sarebbe un ramo indipendente della famiglia Accipitridae. «Non crediamo sia l'antenato diretto di una qualunque specie vivente oggi», conclude Mather.

18 ottobre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us