Animali

Scoperte in Portogallo centinaia di api mummificate 3.000 anni fa

Normalmente le api non si fossilizzano, ma queste sono perfettamente conservate. Un fenomeno molto raro, un reperto prezioso per la scienza.

Nel 2019, sulla costa atlantica del Portogallo, tra le due spiagge di São Torpes e Cape São Vicente, un team di paleontologi si è imbattuto in un ritrovamento eccezionale, che dopo quattro anni di studi è stato descritto nel dettaglio in uno studio pubblicato su Papers in Palaeontology. Si tratta di una rarità: centinaia di piccole api fossilizzate e ancora, addirittura, rinchiuse nel loro bozzolo. Una condizione unica che ha permesso ai loro corpi di conservarsi alla perfezione, al punto che l'analisi ha permesso non solo di identificare la specie, ma anche il sesso, e persino il tipo di polline che era stato lasciato nel bozzolo dalla madre come nutrimento per la loro crescita.

Morìa di massa. Normalmente, le api non si fossilizzano: il loro esoscheletro, fatto di chitina, si decompone molto rapidamente dopo la morte, tanto che di solito è più facile ritrovare, intrappolati nella roccia, i loro alveari o i loro nidi. Le api del Portogallo, però, appartenenti al genere Eucera, hanno goduto di una combinazione fortunata di eventi. Erano ancora chiuse nel loro bozzolo, che la loro madre ha rivestito di una sostanza organica e impermeabile che le ha preservate dagli elementi per circa 3.000 anni. Ovviamente, per "fotografarle" prima che emergessero dal bozzolo ci è voluto un evento catastrofico; lo studio non ha ancora identificato quale di preciso, e le ipotesi sono le più varie: le api potrebbero essere morte a causa di un brusco calo delle temperature, oppure essere state travolte da un'ondata di piena che le ha sepolte sotto una massa di acqua e sedimenti.

Nei minimi dettagli. Quale che sia il motivo di questa morìa di massa, la protezione applicata ai bozzoli dalle api adulte si è rivelata particolarmente efficace: l'analisi dei fossili (la tecnica si chiama, per la precisione, microtomografia computerizzata a raggi X) ha, come già detto, permesso di ricostruire nel dettaglio l'anatomia degli animali, e anche dei granuli di polline che le api usano per nutrirsi durante la loro crescita e prima dell'emersione dal bozzolo. Gli esemplari, peraltro, erano già a uno stadio di sviluppo avanzato, ed erano con ogni probabilità a un passo dalla loro prima "uscita all'aria aperta". Non ce l'hanno mai fatta, ma in cambio ci hanno lasciato un reperto fossile dal valore inestimabile.

4 settembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us