Animali

Scoperta nuova specie di ratto gigante

Una nuova specie di ratto di oltre 1,5 kg di peso è stata scoperta da una spedizione scientifica in Nuova Guinea. Vive nascosto nel cratere di un vulcano spento. E fa bene, visto che da quelle parti potrebbe essere una pietanza prelibata. (Franco Severo, 21 settembre 2009)

Una nuova specie di ratto gigante, 82 centimetri di lunghezza per oltre 1,5 kg di peso, è stata scoperta qualche settimana fa in Nuova Guinea da un team di ricercatori e operatori della BBC. L’animale è stato ripreso casualmente da una telecamera a raggi infrarossi nascosta all’interno del cratere del Mount Bosavi, un vulcano spento. Il roditore, che non ha mostrato alcuna paura nei confronti dell’uomo, non era mai stato osservato prima e secondo Kristofer Helgen, esperto in mammiferi del Museo Nazionale di Scienze Naturali di Londra, è uno dei ratti più grandi al mondo. È di una specie del tutto simile a quelle che vivono nelle fogne di città e probabilmente si trova solo all’interno del cratere dove è stato scoperto.
Paese che vai cucina che trovi. Il super ratto ha una folta pelliccia scura che gli permette di sopravvivere al freddo e all’umidità del vulcano: potrebbe appartenere al genere Mallomys, che comprende altre specie di ratti giganti, ma la sua catalogazione scientifica è ancora dubbia. Sull’isola esistono altre 57 specie di ratto Mallomys, e i più grossi vengono cacciati e mangiati per saperne di più sui gusti alimentari strani, clicca qui). Il topone della Nuova Guinea non è comunque il roditore più grande al mondo: il capibara del Sud America può infatti raggiunge i 130 cm di lunghezza per 65 kg di peso.
In questo video della BBC alcune fasi della scoperta.

21 settembre 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us