Animali

Lo scarabeo dedicato a David Attenborough

Trovato il fossile ben conservato di una nuova specie di scarabeo che è stata dedicata a David Attenborough, popolare divulgatore scientifico della tv inglese.

Quando si scopre una nuova specie e la si descrive per la prima volta si guadagna anche il privilegio di poterle dare un nome - e quindi capita a volte che un nuovo animale o una nuova pianta vengano battezzate in modo da omaggiare questa o quella celebrità. Ci sono moltissime specie il cui nome è dedicato al loro scopritore, oppure a una figura importante in ambito scientifico, e ce ne sono anche tante che vengono invece chiamate con il nome di un attore, un musicista, uno scrittore e persino un personaggio di fantasia.

Ancora un riconoscimento. Non sorprende che David Attenborough, storico conduttore e divulgatore scientifico della BBC, la TV pubblica inglese, e che qualcuno ha definito il "Piero Angela inglese", abbia già ricevuto più di uno di questi omaggi; l'ultimo in ordine di tempo è uno scarabeo, una nuova specie scoperta grazie a un fossile in straordinarie condizioni di conservazione, descritta sulla rivista Papers in Palaeontology.

La specie in questione si chiama Pulchritudo attenboroughi, cioè "bellezza di Attenborough" - in riferimento non all'aspetto del conduttore, ovviamente, ma a quello del fossile. È stato ritrovato in Colorado, risale a 49 milioni di anni fa ed è in perfetto stato di conservazione: una rarità per gli scarabei, il cui corpo normalmente si "sfalda" molto in fretta, prima di avere il tempo di diventare un fossile, lasciando solo le tracce di singole strutture (tipicamente le ali).

Fortunato. Lo scarabeo di Attenborough, invece, ha avuto la fortuna di morire vicino al Green River, in Colorado, dove le particolari condizioni di conservazione hanno permesso all'intero cadavere di mantenere il suo aspetto originario o quasi.

La formazione di Green River, dove è stato trovato il fossile, risale all'Eocene (tra 56 e 34 milioni di anni fa), ed è una cosiddetta Lagerstätte, cioè una zona dove le condizioni ambientali hanno permesso la conservazione di fossili eccezionali, per quantità e qualità.

Nuova, ma non troppo. Nello specifico, nell'area di Green River si trovavano all'epoca dei fanghi di grana molto sottile, che sono ideali per preservare un fossile nelle migliori condizioni: è quello che è successo, per l'appunto, al Pulchritudo attenboroughi. Che è una specie nuova, ma un fossile ben noto: l'esemplare su cui è stata effettuata l'identificazione è talmente bello che è esposto al museo di storia naturale di Denver dal 1995, dove era stato erroneamente descritto come un cerambice.

25 agosto 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us