Animali

Occhio ai rumori di casa: stressano i cani

Non solo botti e colpi improvvisi: anche i rumori quotidiani, quelli che si producuno comunemente nelle nostre case, possono causare stress nei cani.

Chi ha un cane sa bene che ci sono giorni dell'anno, primo fra tutti il Capodanno, nei quali è meglio abbassare le tapparelle e chiudere le finestre per proteggere l'animale: i cani sono terrorizzati dai rumori forti e improvvisi, e botti e fuochi d'artificio li stressano in modo particolare.

Non solo molesti. Uno studio pubblicato su Frontiers in Veterinary Science, però, suggerisce che il problema non si limiti a suoni forti e improvvisi: molti altri rumori, tra cui quelli che vengono prodotti quotidianamente in una qualsiasi casa, possono causare problemi ai cani, e generare in loro uno stress costante e deleterio. La soluzione, secondo gli autori dello studio, è imparare a leggere meglio il linguaggio del corpo dei nostri animali domestici.

Lo studio condotto presso l'università della California a Davis si è svolto in due fasi. La prima, quella più rigorosa, ha coinvolto 386 diversi cani e relativi padroni, ai quali è stato chiesto di monitorare il comportamento dell'animale in risposta a certi rumori. I risultati di quest'indagine sono stati integrati con un'altra analisi, meno scientifica ma che secondo gli autori ha comunque elementi d'interesse: l'osservazione di 62 diversi video disponibili online nei quali si vedono cani che reagiscono a rumori di vario tipo.

I risultati. Il confronto tra le due serie di dati ha rivelato una serie di informazioni relative al modo in cui i cani reagiscono ai suoni prodotti da una serie di oggetti di uso quotidiano.

La prima considerazione è che i cani reagiscono con terrore e ansia non solo di fronte a rumori forti e improvvisi, ma anche a rumori costanti e regolari - per esempio il ronzio di un microonde o il fragore di un'aspirapolvere. Le reazioni diventano particolarmente forti di fronte a rumori acuti e intermittenti: l'esempio più classico è il suono di un allarme, o il rumore che fa un rilevatore di fumo quando ha le batterie scariche. Una seconda considerazione emersa dallo studio, probabilmente ancora più importante, è che di fronte a questi suoni i cani reagiscono sempre allo stesso modo, ma a diversi gradi di intensità - e questo è un problema.

Se infatti non è difficile identificare i segni di stress mostrati da un cane terrorizzato da un temporale o da un fuoco d'artificio (tremori, uggiolii, tendenza a nascondersi dietro il padrone), i rumori meno invadenti ma comunque fastidiosi come un allarme o un microonde provocano reazioni meno estreme, e che spesso vengono sottovalutate dai padroni.

Video online. Questa è una tendenza evidenziata in particolar modo dall'analisi dei video online, nei quali gli umani reagiscono spesso con divertimento alle reazioni terrorizzate del cane a un suono non familiare. Secondo gli autori dello studio, è importante che chi ha un cane impari a riconoscere anche i "microsegnali": un cane che si lecca costantemente le labbra, oppure che irrigidisce i muscoli, è stressato quanto uno che piange e abbaia disperato.

28 novembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 29,90€
Follow us