Animali

Fu il riscaldamento globale a “creare” i dinosauri

Furono i cambiamenti climatici della fine del Permiano a scatenare l'evoluzione di dinosauri e altri rettili, non l'estinzione della concorrenza.

Una delle scene più famose della storia del cinema vede un T. rex combattere contro alcuni Velociraptor sullo sfondo di un enorme striscione che dice "Quando i dinosauri dominarono la Terra". Già, ma perché la dominarono? Da anni l'ipotesi più accreditata è che l'esplosione dei rettili all'inizio del Triassico sia stata favorita dalla contemporanea scomparsa della concorrenza, spazzata via dal pianeta dall'estinzione di massa avvenuta circa 250 milioni di anni fa. Un nuovo studio pubblicato su Science Advances mette però in discussione questa teoria, e ne avanza una alternativa: furono i cambiamenti climatici precedenti a guidare l'evoluzione dei rettili, e l'estinzione di massa ne fu solo una conseguenza.

L'estinzione permiana. Lo studio dell'Università di Harvard mette a confronto due set di dati per scoprire se ci sono collegamenti: da un lato il record climatico della fine del Permiano e dell'inizio del Triassico, dall'altro i cambiamenti morfologici e la rapida diversificazione dei rettili in quello stesso periodo. Periodo nel quale il clima stava cambiando in maniera relativamente rapida in seguito a una serie di eventi in giro per il pianeta, tra cui un'eruzione vulcanica in Siberia durata 600.000 anni: nel giro di poco più di 20 milioni di anni, tra 290 e 270 milioni di anni fa, la Terra si riscaldò dopo un periodo, il Carbonifero, che era stato invece freddo. Questo creò parecchi problemi alla maggior parte delle specie viventi, che non riuscirono ad adattarsi alle nuove condizioni: tra queste, il 95% delle specie marine e il 70% di quelle terrestri. Non, però, i rettili.

L'importanza della preparazione. Tra la fine del Permiano e l'inizio del Triassico, i rettili furono i più rapidi ad adattarsi alle nuove temperature: l'analisi dei cambiamenti nella loro morfologia mostra un'esplosione di forme e adattamenti mai visti prima. Alcuni di questi si rivelarono esperimenti falliti e portarono all'estinzione del gruppo che li aveva adottati; ma molti altri ebbero invece successo, e contribuirono alla rapida diversificazione dei rettili, sia terrestri sia marini.

Non che l'estinzione permiana non li abbia aiutati, eliminando gran parte della concorrenza. Ma questo gruppo cominciò a prepararsi all'evento con circa 30 milioni di anni di anticipo, e poté quindi affrontare a petto in fuori (metaforicamente parlando) il passaggio dal Permiano al Triassico, e dare inizio al proprio dominio del pianeta.

9 settembre 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us