Animali

Il carlino non è un cane "normale"

Chi ha adottato un carlino deve occuparsi dei suoi problemi di salute, seguendo cure specialistiche che non servono ad altre razze. Perché?

Il carlino è una delle razze canine più amate nel mondo. Un tempo prediletto dagli aristocratici inglesi, si è diffuso sempre di più anche nel resto della società, e oggi il carlino è considerato uno dei cani da compagnia più gentili e fedeli che ci siano. Chi ne possiede uno, però, conosce benissimo i suoi problemi di salute, da quelli respiratori a quelli alle ossa: il carlino richiede un'attenzione particolare e cure specialistiche che non servono ad altre razze.

Per questo motivo, stando a uno studio pubblicato su Canine Medicine and Genetics, dovremmo cambiare il modo in cui guardiamo a questa razza: il carlino, secondo il team del Royal Veterinary College, non può più essere considerato un cane normale.

Il muso e altri problemi. Il carlino è una delle razze canine più diverse dal modello originale che ci siano; è stata creata dall'uomo dopo generazioni di attenta selezione dei caratteri, allo scopo di ottenere un animale dall'aspetto poco "lupesco". La loro caratteristica più evidente è la brachicefalia, cioè il fatto di avere il muso schiacciato, più largo che lungo: è alla base di quasi tutti i problemi di salute tipici dei carlini, a partire dalla sindrome che si chiama BAOS e che crea loro enormi problemi respiratori (una caratteristica che condividono con altre razze brachicefale, come il bulldog).

I carlini, poi, sono facilmente soggetti a infiammazioni e irritazioni tra le pieghe del loro muso, e il 64% di loro nasce con una malformazione congenita, la displasia dell'anca. La lista delle loro possibili patologie non finisce qui, ma c'è un dettaglio che le accomuna tutte: sono una conseguenza di secoli di selezione e incroci che ne hanno modificato irrimediabilmente l'aspetto e non solo.

Rischio altissimo. Lo studio del Royal Veterinary College ha provato a quantificare questi problemi, analizzando più di 26.000 cani (4.300 carlini e 22.000 appartenenti ad altre razze) e calcolando per ciascuno il rischio di ammalarsi di una di 40 patologie molto comuni. Quello che hanno scoperto è che i carlini hanno una probabilità di ammalarsi che è quasi due volte superiore a quella di altre razze non brachicefale; in alcuni casi, come quello dell'ostruzione delle vie respiratorie, il rischio per il carlino è 50 volte superiore a quello corso dalle razze "sane".

Secondo gli autori dello studio, il problema del carlino è che la nostra selezione ne ha rimpicciolito alcune parti (il cranio, in particolare) senza ridurre proporzionalmente anche il resto del corpo.

Questo fa sì che questa razza sia molto suscettibile a una serie di patologie tutte sue, e per questo motivo non dovrebbe più essere considerato un cane "normale", almeno dal punto di vista medico: i veterinari dovrebbero trattare un carlino in maniera diversa da come trattano un labrador o un pastore tedesco, e applicare protocolli tagliati su misura per lui.

3 giugno 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us