Animali

Rapaci piromani per stanare le prede

Almeno tre diverse specie di uccelli australiani avrebbero imparato a diffondere le fiamme con bastoncini incendiari per far uscire allo scoperto piccoli animali: forse controllano il fuoco da prima dell'uomo.

Non siamo l'unica specie animale capace di controllare il fuoco: alcuni rapaci australiani sembrano padroneggiare quest'arte, sconosciuta persino ai primati più vicino a noi. Diverse specie di nibbi e di falchi australiani avrebbero imparato a propagare gli incendi trasportando bastoncini in fiamme da un luogo all'altro: lo fanno - sembra - per stanare i piccoli animali di cui si nutrono.

La conferma di quelli che erano finora solamente aneddoti tramandati dagli aborigeni della savana dell'Australia settentrionale arriva da uno studio condotto tra il 2011 e il 2017 e pubblicato sul Journal of Ethnobiology.

L'ho visto con i miei occhi! I racconti narravano di almeno tre specie, il nibbio fischiatore (Haliastur sphenurus), il nibbio bruno (Milvus migrans) e il falco bruno (Falco berigora), che durante i frequenti incendi nell'arido territorio raccolgono bastoncini dai roghi e li trasportano altrove, alimentando nuovi focolai. In effetti questi pennuti sono noti per usare rami bruciacchiati come "strumenti", ma la comunità scientifica aveva finora respinto l'ipotesi che i rapaci appiccassero nuovi incendi deliberatamente, per facilitarsi la caccia.

strategie di caccia degli animali
Curiosità: le più astute strategie di caccia animale. © kristi, Flickr

Ora però Bob Gosford, ornitologo presso il Central Land Council di Alice Springs, nei Territori del Nord, Australia, ha raccolto con alcuni colleghi 20 testimonianze oculari dello strano comportamento messo in atto in occasioni in cui sembra essere stato fatto "apposta".

C'è il racconto di un fotogiornalista e pompiere, Dick Eussen, che negli anni '80, mentre tentava di spegnere un incendio, notò un nibbio fischiatore depositare a terra un bastoncino fumante a 20 metri di distanza, e appiccare un nuovo rogo: in quell'occasione, Eussen spense le fiamme appiccate in 7 diversi punti dai rapaci piromani. Sempre di Eussen riporta di un nibbio bruno che 6 anni fa appiccò le fiamme sul lato opposto a dove si stava sviluppando un incendio, lungo una strada nel Queensland.

Altri testimoni riportano di casi osservati tra il 2001 e il 2002 in cui questi uccelli sarebbero stati visti diffondere le fiamme in radure anche a 50 metri di distanza dal rogo originario.

intelligenza degli animali
Curiosità: 10 prove sorprendenti di intelligenza animale. © Colin Monteath/ Hedgehog House/Minden Pictures/contrasto

Non farlo morire. L'azione degli uccelli incendiari pare concentrarsi nei luoghi in cui qualche ostacolo (come una strada) rischia di arginare le fiamme, interrompendo così l'effetto positivo dell'incendio sulla caccia: per non morire affumicati, i piccoli animali escono allo scoperto e si rendono vulnerabili ai rapaci.

Arte antica e diffusa? Ora che diversi indizi fanno pensare a un comportamento intenzionale, i ricercatori pensano di ripetere alcuni esperimenti in condizioni controllate per capire quanto la tecnica sia comune, se sia diffusa soltanto in Australia o anche altrove (come sembrerebbe) e quanti esemplari in una stessa popolazione la padroneggino.

Una possibilità affascinante è che alcuni rapaci abbiano imparato a controllare il fuoco addirittura prima dell'uomo - che ha imparato a controllarlo tra 400.000 e 1 milione di anni fa. I rapaci sono diffusi da milioni di anni prima: un'ipotesi è che, prima dell'uomo e in modo simile, abbiano sviluppato l'abilità di sfruttare il fuoco più volte e in modo indipendente tra popolazioni e continenti, sfruttando le fiamme degli incendi innescati dai lampi.

11 gennaio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us