Animali

Il ragno che crea trappole di foglie per le rane

Un ragno cacciatore del Madagascar cuce, con la sua tela, tasche di foglie e le dissemina nella foresta: sono trappole per rane in cerca di refrigerio.

Non soddisfatto delle solite tele, un ragno del Madagascar sembra aver sviluppato la capacità di costruire trappole per rane sfruttando il fogliame. Gli indizi di questa insolita forma di caccia, che impiega coppie di foglie cucite insieme con filamenti appiccicosi di tela, sono stati trovati in una foresta nella parte nord-orientale del Madagascar: un ragno cacciatore (huntsman spider) del genere Damastes sembra usare queste "tasche" per catturare e nascondere le rane di cui si nutre.

Colto sul fatto. Quello avanzato dagli scienziati del Centre of the SAVA Region e dell'Università di Antananarivo (Madagascar) insieme ai colleghi dell'Università di Goettingen, in Germania, è per il momento un sospetto - anche se molto ben fondato. In un articolo pubblicato su Ecology and Evolution, il team ha descritto l'incontro con un ragno cacciatore intento a trascinare una rana - una Heterixalus andrakata, endemica dell'isola - morta, in una specie di sacca formata da due foglie unite lungo i lembi con la sua tela. Agli scienziati è sembrata una trappola su misura, che ben si sposa col profilo dell'animale - noto per cacciare attivamente e per uccidere le sue prede col veleno, anziché aspettarle pazientemente con la ragnatela tesa.

Il corpo centrale di una femmina di ragno cacciatore del genere Damastes è lungo circa 1,5 cm (fig. a); un ragno ritirato nella trappola mangia la sua preda, una rana della specie Heterixalus andrakata (fig. b); un ragno cacciatore con la rana caricata sul dorso (fig. c); un altro ragno nascosto tra le foglie "cucite" (fig. d). © Ecology and Evolution (2020)

più diffuse del previsto. La scoperta è avvenuta in modo quasi casuale durante un censimento della fauna di quell'area del Madagascar. I ricercatori si sono imbattuti in un ragno cacciatore indaffarato nel mangiare una raganella della specie Heterixalus andrakata, e accanto al predatore hanno scorto la strana tasca di foglie. Quando si sono avvicinati, il ragno si è ritirato nella tasca trascinando con sé la preda nell'intento di nascondersi. L'idea che le foglie potessero essere assemblate in una trappola è stata in seguito confermata dalla scoperta di molte di queste tasche - apparentemente senza ragni nei paraggi. L'usanza di incollare coppie di foglie ancora verdi e attaccate ai rami chiudendone i lembi per i due terzi della lunghezza sembra essere, per questi ragni, un'abitudine consolidata.

Tutto calcolato. Nelle ore più calde le rane sono solite cercare riparo negli anfratti naturali di cui la foresta è piena: difficile pensare che possano essere gli anfibi a costruirsi un rifugio che troverebbero pronto già altrove. Più probabile invece che i ragni cacciatori approfittino di questa esigenza di "protezione" e disseminino trappole di foglie per la foresta: quando le raganelle si sistemano al loro interno per sfuggire al caldo o nascondersi da altri predatori diventano artefici della loro (brutta) fine. Se ciò fosse confermato da ulteriori e necessarie prove sul campo, vorrebbe dire che quelle rane non sono prede accidentali, ma che i ragni cacciatori hanno imparato a prenderle sistematicamente di mira.

20 gennaio 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us