Focus

Ragni: strategie, evoluzione e adattamento

Ce ne sono circa 40000 specie in tutto il mondo: con più di 100 famiglie, hanno colonizzato ogni tipo di habitat sulla Terra. Ecco i ragni negli scatti di Federico Crovetto, fotografo naturalista.

Un ragno granchio (Thomisus onustus), in attesa della sua preda su un fiore, in cui si mimetizza alla perfezione.

Dettaglio di giovani ragni sul dorso della madre, in questo caso una Hogna radiata.

Molti ragni usano come tana l'interno delle chiocciole abbandonate, come questo Cheirachantium mildei.

I salticidi sono una famiglia di ragni caratterizzata da grossi occhi frontali utilizzati per individuare le prede: in questa foto, un maschio di Saitis barbipes. Il terzo paio di zampe viene utilizzato per la danza di corteggiamento.

In questa immagine è ritratto un maschio di Vesubia jugorum, specie relitto che vive sui ghiaioni solo sulle Alpi Marittime, al di sopra dei 2.000 metri.

Tenere sul dorso i piccoli è una caratteristica comune a tutte le specie della famiglia dei Lycosidae, i cosiddetti ragni lupo. In questo caso un'Arctosa perita, ragno che vive sulle dune litoranee, dove è difficile scovarlo per via della sua colorazione mimetica.

Un genere di ragni botola sono i Nemesiidae (Orthognatha), caratterizzati da cheliceri grandi e direzionati in avanti e "zanne" rivolte all'indietro. Caccia le prede aspettando sotto la botola il loro passaggio in superficie.

Altra specie di Orthognatha, l'Atypus affinis è più piccolo del ragno botola e ha caratteristiche predatorie differenti: costruisce un bozzolo ricoperto di materiale detritico, all'interno del quale aspetta la sua preda.

Femmina di Pisaura mirabilis: si notano i piccoli, appena usciti dall'ovisacco.

Agelena labyrinthica in attesa di una preda all'ingresso della sua tana.

I ragni hanno colonizzato anche le grotte: qui è rappresentato un maschio di Meta menardi.

Pholcus phalangioides con uova: questa specie è comune nelle nostre abitazioni.

Un ragno granchio (Thomisus onustus), in attesa della sua preda su un fiore, in cui si mimetizza alla perfezione.