Ragni al bando

Non solo rottweiler: anche ragni e scorpioni tra le specie che la legge vuole bandire dalle case.

2003101712297_8

Ragni al bando
Non solo rottweiler: anche ragni e scorpioni tra le specie che la legge vuole bandire dalle case.
Una vedova nera (Latrodectus mactans mactans), uno dei ragni più velenosi e pericolosi. Molto diffuso negli Stati Uniti, il suo allevamento era sconsigliabile ai non esperti. Verosimilmente divernterà fuorilegge. Foto: © Emanele Biggi/aracnophilia.org.
Una vedova nera (Latrodectus mactans mactans), uno dei ragni più velenosi e pericolosi. Molto diffuso negli Stati Uniti, il suo allevamento era sconsigliabile ai non esperti. Verosimilmente divernterà fuorilegge. Foto: © Emanele Biggi/aracnophilia.org.
Dopo i pit-bull, saranno i ragni a terrorizzare gli italiani? Una recente legge, la n. 213/2003, ha proibito il commercio e la detenzione di tutti gli aracnidi (ragni e scorpioni) considerati “pericolosi”, e ha imposto a chi già li possiede di denunciarli presso la Prefettura. Il problema è che nella legge mancano la definizione di pericolosi e l'elenco delle specie coinvolte. Se ne è preoccupata la Sivae, Società italiana veterinari per animali esotici, che ha stilato un proprio elenco, basato su criteri scientifici, ma che non ha, per ora, un valore ufficiale.
Che cosa faranno i 12.000 italiani - questa la stima della Sivae - che hanno in casa un ragno più o meno pericoloso tenuto in gabbia (quelli liberi, con la loro ragnatela appesa da qualche parte, non contano)? Il timore è che, nel dubbio, li abbandonino, liberando qua e là tarantole e vedove nere, anche se “nessun aracnide presenta doti di particolare aggressività nei confronti dell'uomo, neanche le specie ritenute più pericolose”, precisa la Sivae.
Non è molto consolante, anche perché, come dice Massimo Millefanti, veterinario esperto di animali esotici, molti ragazzini hanno comperato, magari all'estero, specie velenose e li tengono nei cosiddetti fauna box, contenitori spesso poco sicuri, anche per gli stessi proprietari.

(Notizia aggiornata al 29 ottobre 2003)

22 Settembre 2003