Animali

Questa lumaca di mare cambia corpo quando vuole

Le sconcertanti capacità di rigenerazione di due specie di lumaca di mare, capaci di separare la testa dal corpo e di abbandonarlo, quando questo è infestato da parassiti.

Qualche anno fa Sayaka Mitoh, biologa ricercatrice della Nara Women's University in Giappone, si accorse che una lumaca di mare della vasta collezione del suo laboratorio si era autodecapitata: la testa del mollusco della specie Elysia marginata si muoveva tranquillamente nella vasca, brucando alghe come se nulla fosse.
 
Era chiaro che la lumaca aveva dissolto il tessuto attorno al proprio collo per abbandonare il corpo: una sorta di autoamputazione o autotomia, già osservata in altri animali. Ma se lucertole e gechi abbandonano pezzi di coda per sfuggire ai predatori, lasciare dietro di sé il corpo intero è decisamente più raro. Soprattutto se non ci sono minacce visibili all'orizzonte.

La scienziata ha studiato attentamente il fenomeno e ne ha ricavato un articolo appena pubblicato su Current Biology: l'Elysia marginata e un'altra specie affine di lumaca di mare, l'Elysia atroviridis, si autodecapitano di proposito per facilitare la crescita di un nuovo corpo, forse - questo è il sospetto - perché il vecchio è infestato dai parassiti.

Un abito nuovo. Mitoh e colleghi hanno osservato vari gruppi delle due specie nel corso degli anni, scoprendo che il taglio della testa non è la norma ma avviene di frequente, persino due volte nello stesso animale. I nuovi corpi si rigenerano completamente sotto alle teste in tre settimane; la ferita al "collo" si rimargina in un giorno, e un nuovo cuore è pronto dopo sette. Il vecchio corpo rimane com'era per mesi, ma reagisce con un fremito a ogni contatto con la vecchia testa, come si vede nel video in apertura. Dopo un po' di tempo trascorso così, sguarnito, si dissolve.

Cambio tutto: faccio prima... In molti animali l'autotomia è una strategia estrema per sfuggire ai predatori, ma per le lumache di mare potrebbe essere una soluzione rapida per risolvere una parassitosi. Tutte le Elysia atroviridis senza testa avevano il corpo lasciato alle spalle pieno di parassiti interni: in questo modo ne hanno rigenerato un altro, pulito. In nessun esemplare di Elysia marginata c'erano invece tracce di parassiti.

La testa di una lumaca di mare Elysia marginata dopo l'autodecapitazione. © Sakaya Mitoh

Risorse nascoste. Queste capacità di rigenerazione sono estreme anche per gli scienziati già abituati a studiare la ricrescita di tessuti animali. Il segreto delle lumache di mare è forse connesso a un altro superpotere. Questi molluschi incorporano nel loro organismo i cloroplasti delle alghe di cui si nutrono, cioè gli organelli cellulari nei quali avviene il processo di fotosintesi clorofilliana.

A quel punto usano gli zuccheri prodotti dalla fotosintesi per sostentarsi: in pratica, sono lumache a energia solare! Questa abilità potrebbe aiutare le teste a sopravvivere a lungo anche lontano dal corpo.

Inoltre, per un taglio più netto e preciso, queste lumache presentano una sorta di piano di rottura lungo il collo, simile a quello che lucertole e gechi mostrano alla base della coda: sono insomma ottimizzate per sfruttare al massimo le possibilità offerte dalla rigenerazione dei tessuti. Chissà che studiandole non impariamo qualcosa di utile per rinnovare il nostro corpo.

11 marzo 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us