Animali

Ecco i lama, gli animali che meglio sopporteranno i cambiamenti climatici. Ma gli altri?

I sempre più numerosi eventi climatici estremi avranno un impatto su tutte le specie viventi: quali sono quelle più attrezzate a resistere e quali invece avranno più problemi?

I cambiamenti climatici causati dal riscaldamento globale stanno causando un aumento vertiginoso della frequenza di eventi estremi, dalla siccità alle alluvioni improvvise; e tutti i modelli a nostra disposizione ci dicono che la situazione non potrà che peggiorare nei prossimi anni. Tutti gli ecosistemi terrestri saranno quindi esposti a uno stress sempre crescente, e con loro gli animali che ci abitano. Ma quali di questi sono meglio equipaggiati per sopportare il peso di questi cambiamenti? E quali, invece, ne soffriranno di più? Sono le domande al cuore di un nuovo studio condotto dalla University of Southern Denmark e pubblicato su eLife che, concentrandosi in particolar modo sui mammiferi terrestri, stila una "classifica" delle specie che subiranno le conseguenze dei cambiamenti climatici.

Le dimensioni contano. Lo studio si è concentrato dunque sui mammiferi: 157 specie in totale, per ciascuna delle quali ci sono almeno dieci anni di dati sulle loro popolazioni. Si è potuto così verificare quanto e come le popolazioni siano cresciute o calate nell'ultimo decennio, con i relativi dati climatici, mettendo in evidenza il rapporto tra le fluttuazioni nelle popolazioni e la frequenza e intensità di certi eventi atmosferici estremi.

Gli autori dello studio hanno rivelato un'importante regola generale: i mammiferi di piccole dimensioni e che producono tanta prole sono colpiti più duramente di quelli grossi e che fanno pochi figli. Elefanti, rinoceronti, orsi, scimpanzé, sono tutti esempi di specie che sopportano meglio il clima estremo: possono infatti concentrare tutte le loro energie su un singolo cucciolo, o addirittura aspettare che passi l'emergenza prima di riprodursi.

Clima ma non solo. Sono i mammiferi più piccoli e che fanno tanti cuccioli (topi, scoiattoli, volpi, talpe…) a subire l'impatto dei cambiamenti climatici, e in caso di eventi estremi le loro popolazioni possono crollare in tempi anche rapidissimi. D'altra parte, quando le condizioni climatiche migliorano il fatto di fare tanti cuccioli li aiuta a ripopolarsi altrettanto in fretta.

Un particolare, quest'ultimo, cruciale: gli stessi autori dello studio specificano che, per una specie, la capacità di resistere al clima estremo non va di pari passo con il rischio di estinzione – che è causata non solo dai cambiamenti climatici ma anche dalla distruzione dell'habitat, dall'inquinamento, dalla caccia, dall'invasione di specie esotiche… Insomma: solo perché una specie è meglio attrezzata a resistere ad alluvioni, siccità e ondate di calore non significa che sia al sicuro dal rischio di estinzione.

31 agosto 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant'anni fa, l'uscita di scena di Stalin chiudeva il trentennio più nero della Russia comunista. Dalla presa del potere al Grande Terrore, agli orrori della Seconda guerra mondiale, ritratto di un protagonista assoluto del Novecento. E ancora: dalle conchiglie alle carte di credito, la storia dei pagamenti; una giornata con gli scribi, gli artigiani e gli operai egizi nell'antico villaggio di Deir el-Medina; Nadežda Andreevna Durova, la nobildonna che, travestita da uomo, si arruolò negli Ulani per combattere contro Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Ci siamo evoluti per muoverci e camminare, non per stare in poltrona. Per questo la vita sedentaria è causa di piccoli e grandi mali, dal dolore cervicale a quello alla schiena. Come combatterli? E ancora: gli abitanti della Terra sono aumentati di un miliardo in soli 11 anni, ma per mantenerci dovremo cambiare abitudini e consumi; la storia, ricostruita dalle analisi della mummia, di una donna vissuta in Egitto quasi 2.000 anni fa. Parlare da soli capita a tutti: si tratta di un fenomeno normale dovuto alla struttura del cervello, che pensa a parole.

ABBONATI A 31,90€
Follow us