Animali

Ecco i lama, gli animali che meglio sopporteranno i cambiamenti climatici. Ma gli altri?

I sempre più numerosi eventi climatici estremi avranno un impatto su tutte le specie viventi: quali sono quelle più attrezzate a resistere e quali invece avranno più problemi?

I cambiamenti climatici causati dal riscaldamento globale stanno causando un aumento vertiginoso della frequenza di eventi estremi, dalla siccità alle alluvioni improvvise; e tutti i modelli a nostra disposizione ci dicono che la situazione non potrà che peggiorare nei prossimi anni. Tutti gli ecosistemi terrestri saranno quindi esposti a uno stress sempre crescente, e con loro gli animali che ci abitano. Ma quali di questi sono meglio equipaggiati per sopportare il peso di questi cambiamenti? E quali, invece, ne soffriranno di più? Sono le domande al cuore di un nuovo studio condotto dalla University of Southern Denmark e pubblicato su eLife che, concentrandosi in particolar modo sui mammiferi terrestri, stila una "classifica" delle specie che subiranno le conseguenze dei cambiamenti climatici.

Le dimensioni contano. Lo studio si è concentrato dunque sui mammiferi: 157 specie in totale, per ciascuna delle quali ci sono almeno dieci anni di dati sulle loro popolazioni. Si è potuto così verificare quanto e come le popolazioni siano cresciute o calate nell'ultimo decennio, con i relativi dati climatici, mettendo in evidenza il rapporto tra le fluttuazioni nelle popolazioni e la frequenza e intensità di certi eventi atmosferici estremi.

Gli autori dello studio hanno rivelato un'importante regola generale: i mammiferi di piccole dimensioni e che producono tanta prole sono colpiti più duramente di quelli grossi e che fanno pochi figli. Elefanti, rinoceronti, orsi, scimpanzé, sono tutti esempi di specie che sopportano meglio il clima estremo: possono infatti concentrare tutte le loro energie su un singolo cucciolo, o addirittura aspettare che passi l'emergenza prima di riprodursi.

Clima ma non solo. Sono i mammiferi più piccoli e che fanno tanti cuccioli (topi, scoiattoli, volpi, talpe…) a subire l'impatto dei cambiamenti climatici, e in caso di eventi estremi le loro popolazioni possono crollare in tempi anche rapidissimi. D'altra parte, quando le condizioni climatiche migliorano il fatto di fare tanti cuccioli li aiuta a ripopolarsi altrettanto in fretta.

Un particolare, quest'ultimo, cruciale: gli stessi autori dello studio specificano che, per una specie, la capacità di resistere al clima estremo non va di pari passo con il rischio di estinzione – che è causata non solo dai cambiamenti climatici ma anche dalla distruzione dell'habitat, dall'inquinamento, dalla caccia, dall'invasione di specie esotiche… Insomma: solo perché una specie è meglio attrezzata a resistere ad alluvioni, siccità e ondate di calore non significa che sia al sicuro dal rischio di estinzione.

31 agosto 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us