Animali

Libellule, cani, stelle marine e altri animali: per qualcuno il tempo corre più veloce. Perché?

Ci sono animali che vedono a rallentatore e altri in modo accelerato: dipende dalla percezione dello scorrere del tempo che cambia a secondo delle esigenze della specie per catturare le prede o scappare.

Il tempo è relativo, e non è solo un modo di dire: un vasto studio condotto su 138 specie rivela infatti che non tutti gli animali lo percepiscono alla stessa velocità. C'è chi vede i fotogrammi di ciò che accade nell'ambiente circostante a rallentatore, e dunque ha una percezione temporale molto lenta, e chi invece vive in un continuo fast forward.

Questione di fotogrammi. Le specie con la vista più veloce (e dunque la percezione temporale più rallentata) sono libellule e mosconi, che vedono fino a 300 fotogrammi al secondo, percependo ogni dettaglio di ciò che accade: per capirci, noi umani vediamo solo 65 fotogrammi al secondo, i cani ne vedono 75. Tra i vertebrati, quello con l'occhio più veloce è la balia nera, un piccolo uccello bianco e nero che vede 146 fotogrammi al secondo. Scorre invece rapidissimo il tempo per la stella corona di spine, una stella marina che vede appena 0,7 fotogrammi al secondo e si perde un sacco di dettagli di ciò che accade attorno a lei.

«Avere una vista rapida aiuta l'animale a percepire ogni piccolo cambiamento che avviene nell'ambiente circostante», spiega Kevin Healey, uno degli autori della ricerca. «Una percezione dettagliata è utile se ti devi muovere velocemente o individuare la traiettoria di una preda in movimento».

Acqua e terra. Ciò che ha stupito gli studiosi è scoprire che i predatori terrestri hanno generalmente una percezione del tempo più rapida (e dunque una vista più lenta) rispetto a quelli acquatici: questa differenza sarebbe dovuta al fatto che, negli ambienti marini, i predatori possono aggiustare la propria posizione in modo continuo durante la caccia (e quindi per loro è utile vedere ogni fotogramma per poter "aggiustare il tiro"), mentre sul suolo una volta compiuto il salto verso la preda non è più possibile modificare la traiettoria, e dunque diventa inutile ed energeticamente dispendioso vedere dettagliatamente ogni fotogramma.

«Studiare in che modo ogni specie percepisce il tempo può aiutarci non solo a comprendere meglio le interazioni tra prede e predatori, ma anche a definire perché alcuni fattori come l'inquinamento luminoso influenzano alcune specie più di altre», sottolinea Healey.

12 gennaio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us