Animali

Un antico predatore coi denti a sciabola

In California è stato studiato il fossile della mandibola di uno dei primi predatori ipercarnivori: visse 40 milioni di anni prima della tigre dai denti a sciabola.

Un gruppo di paleontologi ha studiato un fossile trovato nel 1988 a Oceanside, in California, scoprendo una nuova specie di predatore dai denti a sciabola vissuto 42 milioni di anni fa: sarebbe uno dei primi mammiferi a essersi evoluto per diventare ipercarnivoro, ovvero cibarsi esclusivamente di carne.

L'animale, battezzato Diegoaelurus vanvalkenburghae, era grande quanto una lince rossa (48-120cm) e più piccolo di uno smilodonte (comunemente conosciuto come tigre dai denti a sciabola, che raggiungeva i 175 cm di lunghezza). «Oggi l'abilità di mangiare solo carne è comune a molti animali: lo fanno le tigri, gli orsi polari, e anche i gatti», spiega Ashley Poust, uno degli autori, «ma all'epoca gli ipercarnivori non esistevano ancora, e la comparsa di denti specializzati per tagliare la carne, come quelli ritrovati in questo fossile, ne favorì l'evoluzione». Lo studio è pubblicati su Peerj.

Denti specializzati. Il D. vanvalkenburghae è dunque uno dei primi esempi di felino ipercarnivoro: uccideva le proprie prede con i denti a sciabola (due lunghi canini) e ne strappava e triturava la carne con i denti carnassiali, situati nella parte posteriore della mandibola. «Questo animale rappresenta una sorta di esperimento dell'evoluzione, un primo tentativo di ipercarnivorismo», spiegano gli autori.

Ashley Poust, uno degli autori dello studio, tiene in mano il fossile di un frammento della mandibola di Diegoaelurus vanvalkenburghae: guardate che differenza con quello della tigre dai denti a sciabola, alle sue spalle!
Ashley Poust, uno degli autori dello studio, tiene in mano il fossile di un frammento della mandibola di Diegoaelurus vanvalkenburghae: guardate che differenza con quello della tigre dai denti a sciabola, alle sue spalle! © San Diego Natural History Museum

Il D. vanvalkenburghae fa parte di un genere di felini estinti ancora poco conosciuta, chiamata Machaeroides, alla quale appartengono anche altre cinque specie vissute durante il primo e medio Eocene (tra i 56 e i 40 milioni di anni fa circa). «Sappiamo davvero poco sui macheroidi, e per questo ogni nuova scoperta è importante», spiega Shawn Zack, uno degli autori.

È il mecheroide più recente mai ritrovato, molto diverso dal suo parente più prossimo, l'Apataelurus kayi, che visse nello Utah orientale nella stessa epoca: questo, secondo gli esperti, significa che siamo solo all'inizio, e che in futuro si potrebbero scoprire altre specie di macheroidi, evolutesi sviluppando caratteristiche diverse.

29 marzo 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us