Buone feste 2019 anche a cani e gatti: ma attenti alla ciotola!

Augurare buone feste 2019 a cani e gatti vuol dire anche rispettare alcune regole. Primo: non mettere gli avanzi dei pranzi nelle loro ciotole.

natale-cani-gatti-attenti-alla-ciotola-
| Shutterstock

Allargare l'augurio di buone feste 2019 anche ai nostri amici a quattro zampe significa, in concreto, tenere a mente alcune regole indispensabili per il loro benessere. Innanzitutto ricordiamo che i dolci che abbondano sulle nostre tavole imbandite a festa per i pranzi di Natale o per i cenoni di Capodanno possono essere molto nocivi per la salute dei nostri cani e dei nostri gatti: bocconcini di pandoro, panettone o panforte sono vietati. Secondo uno studio del Royal Veterinary College inglese, inoltre, è soprattutto l'uvetta contenuta nei panettoni tradizionali - ma non solo - che può causare loro problemi renali anche gravi. Stesso discorso per i cioccolatini: per i cani in particolare, ma anche per i gatti, la teobromina contenuta nel cacao è tossica.

 

Focus Extra 85
Questo articolo è tratto da Focus Extra 85: A, B, Cibo (il dizionario alimentare di Focus). | Focus

Insomma, anche se i nostri animali domestici hanno il senso dell'olfatto sviluppato che dovrebbe tenerli alla larga dai cibi pericolosi, meglio non sottovalutare la loro curiosità e soprattutto la loro voracità. Ricordiamoci sempre che sono molti gli alimenti (quasi) innocui per noi, che sono invece velenosi per loro.

 

Ecco perché, a maggior ragione durante le feste, non dobbiamo mai mettere nelle loro ciotole i golosi avanzi di manicaretti natalizi. Buttare il cibo avanzato è certamente un peccato, ma riciclarlo nelle loro pappe potrebbe provocare intossicazioni alimentari anche serie. I sintomi? Inappetenza, agitazione, tremori, diarrea, vomito, tremori e problemi respiratori.  

 

 

Né zucchero, né sale. La lista dei cibi proibiti per cani e gatti è sostanzialmente la stessa. Ci sono, come abbiamo detto, innanzitutto quelli che contengono zucchero (possono provocare diabete e malattie cardiache), ma ci sono anche quelli troppo salati o unti (causano un aumento della pressione arteriosa). In generale, teniamoli sempre alla larga da cipolle e fave (possono danneggiare il sistema circolatorio), ossa, avanzi di pollo, lische di pesce, uova e carne crude, dolcificanti, caffeina, teina, spezie, affettati, formaggi stagionati, uva,  aglio e avocado. 

 

 

 

24 dicembre 2019 | Fabrizia Sacchetti