Animali

Il pinguino imperatore si estinguerà entro la fine del secolo?

Cambiamenti climatici: all'attuale ritmo di scioglimento dei ghiacci il pinguino imperatore sarà estinto o quasi entro la fine del secolo.

Il pinguino imperatore - l'Aptenodytes forsteri - è un animale incredibile, in grado di sopravvivere in condizioni che per noi umani sarebbero impraticabili: endemico dell'Antartide, è capace di vivere e prosperare in luoghi dove le temperature esterne arrivano a -40 °C, e dove anche quelle dell'acqua possono scendere sotto lo zero. Nonostante sia adattato a un ambiente tra i più ostili del pianeta, però, anche il pinguino imperatore ha delle necessità: da un lato gli serve abbastanza ghiaccio da avere sempre del terreno solido sotto le zampe, dall'altro ha bisogno di un accesso facile e rapido all'acqua in caso di bisogno.

Il più a rischio. Ecco perché, nonostante la sua popolazione sia ancora più numerosa, viene considerato uno degli uccelli più a rischio di estinzione nei prossimi decenni, soprattutto se i ghiacciai continueranno a sciogliersi al ritmo attuale. Uno studio pubblicato su Global Change Biology, e raccontato dagli autori anche su The Conversation, indica ora una data molto precisa, un punto di non ritorno superato il quale il pinguino imperatore sarà "quasi estinto", e con scarsissime se non nessuna possibilità di riprendersi: la fine di questo secolo.

A vederlo da fuori il pinguino imperatore sembra in grado di sopravvivere ovunque: vive sui ghiacci antartici, e nonostante questo non muore di freddo né fa fatica a trovare cibo. Il problema è che non tutte le distese glaciali sono uguali: quando c'è troppo ghiaccio, i pinguini imperatore hanno problemi a raggiungere il mare aperto e a procurarsi il cibo, mentre se ce n'è troppo poco il rischio è che i loro pulcini finiscano in mare per sbaglio e anneghino.

Proporzione perfetta. Esiste dunque un optimum per questi uccelli, una proporzione perfetta tra acqua solida e acqua liquida che, a causa del riscaldamento globale e dello scioglimento dei ghiacciai, si sta sbilanciando sempre più rapidamente a favore della seconda. Un esempio clamoroso è quello che è successo nel 2019 nella Baia di Halley, dove si trovava quella che era la più grande colonia di pinguini imperatore del mondo: il ghiaccio si è sciolto troppo presto, e questo ha causato la morte di diecimila pulcini.

Secondo i calcoli degli autori dello studio, episodi come quello della Baia di Halley si moltiplicheranno nei prossimi anni se i ghiacciai continueranno a sciogliersi al ritmo attuale; e secondo le loro proiezioni, ora del 2100 il 98% delle colonie oggi esistenti di pinguino imperatore si sarà estinta, e quelle rimaste saranno messe talmente male da non avere alcuna possibilità di riprendersi.

La speranza. In altre parole, entro la fine del secolo quello che è il pinguino più grande del mondo sarà a tutti gli effetti estinto, e l'unica speranza di invertire la rotta è fermare l'aumento delle temperature globali – un'impresa che salverebbe non solo i pinguini, ma anche il resto del pianeta. Per adesso, il massimo che è stato fatto è la proposta di inserire il pinguino imperatore tra le specie a rischio: decisamente troppo poco.

19 agosto 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us