Animali

Il piano (un altro) per riportare in vita i mammut

Una compagnia di biotecnologie texana vuole de-estinguere il mammut lanoso, scomparso 4mila anni fa, e reintrodurre i primi esemplari in natura entro il 2028.

Colossal Biosciences è il nome di una compagnia di biotecnologie americana, fondata in Texas, che ha un piano ambizioso per la fauna americana, raccontato per la prima volta la scorsa estate in un'intervista al sito IFL Science. È un piano che riguarda il mammut lanoso, la più famosa delle 11 specie estinte di mammut, scomparsa circa 4.000 anni fa e che ora Colossal Biosciences sta tentando di de-estinguere, con l'obiettivo di reintrodurre i primi esemplari in natura entro il 2028.

Il mammut 2.0. Parlare di "de-estinzione" per il progetto di Colossal Biosciences è inesatto: il loro scopo non è quello di riportare in vita il mammut lanoso ma, nelle parole del fondatore Ben Lamm, "creare il mammut 2.0". All'atto pratico questo significa individuare tutti i geni che nel mammut erano legati ad alcune sue caratteristiche specifiche: la forma del cranio, quella delle zanne, la sua pelliccia, oltre a tutti quei meccanismi "invisibili" che rendevano il mammut resistente al freddo della tundra.

Ibrido. Il genoma del mammut verrà poi confrontato con quello dell'elefante asiatico (i due animali ne condividono il 99,6%): sarà proprio un ovulo di quest'ultimo che verrà usato come base per le modifiche genetiche necessarie a produrre un "nuovo mammut".

De-estinzione. Il risultato, quindi, non sarà la resurrezione di Mammuthus primigenius, il mammut lanoso "originale", ma la creazione di un ibrido tra elefante asiatico e mammut che sia resistente al freddo, e che rappresenterà quindi una nuova specie, non una vecchia riportata in vita. Secondo Colossal Biosciences, reintrodurre in natura il mammut lanoso avrà dei benefici anche per l'ambiente, perché brucando e calpestando il terreno gli animali aiuteranno la tundra a prosperare, e incidentalmente a non rilasciare in atmosfera le grandi quantità di CO2 custodite sotto terra.

Cinque anni di tempo. In più, la compagnia spera di sviluppare un vero e proprio kit di de-estinzione, da applicare anche ad altre specie. Il loro non è il primo progetto di questo genere, ma il fatto che si siano posti l'ambizioso obiettivo di far nascere il primo mammut 2.0 entro cinque anni significa che non dovremo aspettare molto per capire se ce l'hanno fatta.

27 novembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us