Animali

Pet Therapy: perché il cane?

Non ci sono motivazioni strettamente scientifiche per preferire il cane ad altre specie animali nei programmi di Pet therapy. Non esiste inoltre una...

Non ci sono motivazioni strettamente scientifiche per preferire il cane ad altre specie animali nei programmi di Pet therapy. Non esiste inoltre una corrispondenza fra un disturbo o un disagio di una persona e l’impiego di una particolare tipo di animale. Tutto dipende dalla singole persone con cui l’animale deve interagire. E’ semmai necessario ricercare un accordo caratteriale fra animale e persona: un animale eccessivamente nervoso, potrebbe impaurire il paziente, mentre un animale eccessivamente timido potrebbe non stimolare in modo adeguato un soggetto già di per sé introverso. Nella selezione dell’animale più adatto per i programmi assistiti, bisogna quindi prendere in considerazione diversi fattori, primo fra tutti il paziente cui è destinato.

Il cane è senza dubbio l’animale che più frequentemente viene chiamato a svolgere il ruolo di co-terapeuta e ciò è legato a una serie di motivi: è stato il primo fra gli animali con i quali l’uomo ha instaurato un legame ed è ancora oggi l’animale domestico, insieme al gatto, più diffuso. La sua diretta discendenza dal lupo lo rende un animale molto sociale che cerca il rapporto con l’uomo ed è abituato a un ordine gerarchico e a stabile delle relazioni sociali. E’ anche l’animale dal quale l’uomo può aspettarsi un adattamento a situazioni particolari e il più disponibile a ricevere un’educazione. Queste sue caratteristiche lo predispongono a una più completa e profonda interazione con gli utenti della Pet therapy. Ha infatti una buona capacità di facilitare i rapporti interattivi, dando o prendendo l’iniziativa nel sollecitare la collaborazione del paziente. Inoltre, dato che il cane non è in grado di riconoscere e percepire un disagio psichico/fisico, interagisce spontaneamente in ogni situazione. Questa specie animale è anche dotata di segnali posturali che offrono molti stimoli e gli permettono di comunicare con il genere umano in modo rapido e unico.

Un altro aspetto che va considerato è la varietà morfologica che accompagna questa specie: diverse taglie (che possono quindi favorire il contatto fisico con gli utenti), diversi colori e tipologie di pelo, differenti varietà di orecchie e di muso.

Anche se il fattore “razza” non gioca un ruolo determinante nella scelta di un animale da destinare a questo tipo di interventi terapeutici, alcune razze sembrano aver dimostrato un maggior grado di socialità e per questo vengono più facilmente scelte (es. il Golden Retriever). Però, a differenza delle caratteristiche fisiche che sono maggiormente predefinite e fissate all’interno di una razza, per quanto riguarda gli aspetti comportamentali, esistono differenze individuali. Non è quindi corretto affermare che tutti i Golden Retriever siano idonei per le attività che per le terapie.

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us