Animali

Perché negli zoo si fa ricerca solo su alcuni animali?

Uno studio rivela che il grosso della ricerca sulle specie tenute in cattività negli zoo viene condotta sui grandi mammiferi, mentre uccelli, rettili e pesci vengono trascurati.

C'è chi li vede come luoghi di tortura dove animali innocenti restano intrappolati per il sollazzo dell'uomo, ma gli zoo, soprattutto negli ultimi decenni, sono diventati qualcosa d'altro: non più una sorta di circo mascherato il cui scopo principale è far felici i visitatori, ma luoghi di conservazione e di ricerca, dove è possibile studiare il comportamento di animali che altrimenti sarebbe difficilissimo, se non impossibile, osservare in natura. Uno scrigno di possibilità, delle quali però l'uomo sfrutta solo una minima parte; secondo uno studio dell'Università dell'Exeter, infatti, la maggior parte delle ricerche condotte negli zoo di tutto il mondo si concentra su un singolo gruppo di animali: i grandi mammiferi.

I più amati. Il perché è semplice da intuire: più sono grossi (e simili a noi) più piacciono, e più è facile farsi finanziare una ricerca su di loro. È il motivo per cui gli studi negli zoo ci hanno permesso, per citare due esempi fatti dagli stessi autori, di scoprire molto sul comportamento riproduttivo del rarissimo rinoceronte di Sumatra (Dicerorhinus sumatrensis) e pochissimo su quello della rana dell'Amazzonia Phyllomedusa sauvagii: dovendo scegliere quale delle due studiare, i ricercatori puntano sull'animale più "vendibile", che faccia più presa sulla fantasia pubblico.

Occasioni mancate. Gli zoo, quindi, si stanno lasciando sfuggire opportunità uniche, e con loro tutti gli scienziati che conducono studi per conto di Università o istituti di ricerca. E non si tratta solo di, per così dire, diversificare il target: lo studio invita anche ad ampliare lo spettro delle investigazioni, perché la maggior parte degli studi condotti negli zoo si concentra sulla salute degli animali, trascurandone per esempio il comportamento - qualcosa che, per molte specie, è impossibile da fare in natura.

15 novembre 2019 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us