Animali

Perché i Labrador tendono a ingrassare? Questioni genetiche

Una mutazione genetica tipica dei Labrador spiega come mai tendano all'obesità più di altre razze di cani. Dieta e movimento sono l'unico modo per tenerli in forma.

Avete un cane? Sapete bene quanto amino mangiare, e quanto sia importante tenerli in esercizio regolarmente, se non hanno modo di bruciare per conto loro tutte le calorie che ingurgitano. E se in particolare avete un Labrador, è probabile che dedichiate una parte consistente della vostra attenzione a fornirgli una dieta equilibrata, perché si tratta di una razza tendente all'obesità, e apparentemente mai sazia. Ora uno studio pubblicato su Science Advances dimostra che si può anche togliere l'avverbio: una mutazione genetica presente nei Labrador e nei Flat-Coated Retriever li rende non solo più famelici, ma anche meno capaci di assimilare il loro pasto, e quindi più propensi a ingrassare.

"Ho sempre fame". Il gene controlla la produzione della POMC (pro-opiomelanocortina), un ormone che, come scoperto già qualche anno fa, in caso di mutazione predispone i cani all'obesità. Questa mutazione si ritrova nel 25% circa dei Labrador e addirittura nel 66% dei Retriever, ma ha un effetto più evidente nei primi: è il motivo per cui sembra che i cani di questa razza non riescano mai a placare la fame. Sottoposti a un esperimento, 36 Labrador adulti sono stati messi alla prova in diverse condizioni di sazietà, e, per farla breve, non hanno mai smesso di cercare di procurarsi il cibo (nascosto sotto un coperchio trasparente) o di accettare quello offerto dagli umani a intervalli di 20 minuti circa.

Occhio alla dieta. La scoperta più interessante è però un'altra: analizzando il consumo calorico di cani con e senza mutazione, il team ha scoperto che i primi bruciano, nel processo digestivo, il 25% in meno delle calorie rispetto ai secondi. Questo significa che non solo Labrador e Retriever hanno sempre fame, ma che assimilano meno nutrienti: ecco perché le diete per queste razze prevedono porzioni che sembrano più piccole rispetto a quello che il cane stesso è disposto a mangiare. Insomma: quasi due secoli di selezione hanno prodotto due razze con una mutazione genetica che li fa essere sempre affamati e contemporaneamente incapaci di assorbire tutto quello che mangiano e convertirlo in energia; ecco perché i Labrador e i loro cugini hanno bisogno di attenzioni particolari dal punto di vista della dieta.

15 marzo 2024 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us