Animali

I pipistrelli dovrebbero avere un corpo più grande e invece...

Normalmente i mammiferi che vivono in Paesi freddi hanno un corpo grande per mantenersi caldi. I pipistrelli no: perché?

Secondo la regola di Bergmann i mammiferi che vivono in climi freddi tendono ad avere corpi più grandi e arti più corti per ridurre la dispersione del calore: questo principio ecologico non vale però per i pipistrelli, che hanno corpi piccoli e grandi ali anche quando vivono in luoghi freddi. Uno studio pubblicato su PNAS indaga il perché di questa eccezione alla regola, che ha a che fare con il fatto che i pipistrelli devono riuscire a volare.

Studio a distanza. Misurare quanta energia serve agli animali selvatici per muoversi e termoregolarsi è un compito complesso: nei pipistrelli, ad esempio, alcune caratteristiche fondamentali come il tasso metabolico o la temperatura corporea variano notevolmente quando vengono catturati per eseguire le misurazioni. Gli studiosi si sono dunque serviti di un modello basato sui principi di termodinamica e aerodinamica, per calcolare in che modo la grandezza del corpo e la superficie delle ali influiscano sulla dispersione del calore e sul volo.

Il perfetto equilibrio. Dall'analisi, condotta su quasi 300 specie diverse, è emerso che una superficie alare maggiore rispetto alla massa corporea fa aumentare la dispersione del calore e diminuisce il costo energetico del volo, mentre una massa corporea maggiore rispetto alla superficie alare aumenta il costo energetico del volo e diminuisce la dispersione del calore. La morfologia dei pipistrelli rappresenta dunque il giusto compromesso tra i due estremi, e riesce a bilanciare perfettamente i costi energetici del volo e della termoregolazione corporea. Nelle specie che vivono in Paesi freddi, le forze selettive che mirano a ridurre i costi energetici in volo hanno impedito ai pipistrelli di sviluppare un corpo più grande per mantenersi al caldo, favorendo sempre una soluzione bilanciata tra volo e temperatura corporea.

«Conoscere i fattori e i processi che guidano l'evoluzione degli organismi viventi è fondamentale per prevedere le loro risposte ai cambiamenti ambientali futuri», conclude Juan G. Rubalcaba, coordinatore dello studio, che si augura che la loro ricerca possa essere utile per indagare gli impatti fisiologici dei cambiamenti climatici nelle diverse specie di pipistrelli.

11 agosto 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us