Focus

Perché i piccioni scuri hanno conquistato le città

La melanina presente in abbondanza nelle loro piume si legherebbe ai metalli pesanti presenti nell'area, tenendo pulito il sangue dei pennuti. Un bel vantaggio evolutivo rispetto ai "compari" più chiari.

th_piccioni
I veri dominatori delle grandi città hanno un becco, due zampe e un piumaggio scuro. Photo: Ryan Chylinski/iStockphoto/Thinkstock |

Come hanno fatto i piccioni scuri a diventare i padroni indiscussi delle aree urbane? Forse, ci sono riusciti proprio grazie al loro colore. I pigmenti responsabili della colorazione grigio fumo delle loro penne si legherebbero ai metalli tossici presenti nell'aria, attirandoli sulle piume e impedendo che queste sostanze finiscano nel sangue.

È quanto emerge da uno studio effettuato su una popolazione di piccioni parigini, che potrebbe spiegare perché questi pennuti siano così diffusi nelle metropoli inquinate.

 

Più brutti è più sani
La melanina è il pigmento responsabile della colorazione scura di peli, pelle, capelli e - in questo caso - piume. Tra le sue proprietà c'è quella di legarsi a ioni metallici come quelli di zinco e piombo, sostanze dannose per la salute dei piccioni (e dell'uomo): è già noto che gli uccelli esposti ad alti livelli di metalli pesanti depongono meno uova e vanno incontro ad infertilità maschile.

L'ipotesi dei ricercatori della Pierre and Marie Curie University di Parigi è che la melanina, legandosi ai metalli pesanti presenti nell'aria di città, intrappoli queste sostanze sulle piume dei piccioni, che vanno poi incontro a muta ed evitano che i veleni inquinanti finiscano nel sangue dei pennuti. Se fosse vero, gli uccelli più scuri, più ricchi di melanina, avrebbero un vantaggio evolutivo rispetto ai piccioni chiari. Meno metalli nel sangue vorrebbe dire più uova, e quindi, alla lunga, una popolazione più numerosa anche nelle aree inquinate.

 

Una livrea protettiva
Per testare l'ipotesi i ricercatori hanno catturato 97 piccioni selvatici (Columba livia) più o meno scuri dall'area metropolitana di Parigi e li hanno tenuti per un anno in gabbie all'aperto, nutrendo tutti con la stessa dieta a base di mais, grano e piselli per portare tutti alle stesse condizioni sperimentali.

I livelli di zinco e piombo presenti sulle piume sono stati misurati sia all'inizio dell'esperimento sia prima del rilascio dei pennuti. Durante l'anno in cattività, forse anche grazie alla dieta e alla permanenza nello stesso luogo, i livelli di zinco e piombo sulle piume sono passati da una media di 328 a 89 parti per milione. I piccioni più scuri - questo è il dato più importante - avevano una maggiore concentrazione di metalli pesanti sulle penne. Segno che, forse, il loro sangue era più "pulito" di quello dei compari bianchi (ma il livello di metalli nel sangue non è stato misurato).

 

Altri validi motivi
La ragione della diffusione dei piccioni grigio scuro potrebbe nascondersi quindi proprio nel loro piumaggio. Anche se per alcuni studiosi sono altri i fattori responsabili, come il fatto, per esempio, che i piccioni più scuri sono in genere anche più aggressivi, o che quelli troppo chiari sono percepiti come "estranei" al contesto urbano (vedi) e più spesso attaccati.

Ti potrebbero interessare anche:

Come fanno i piccioni a trovare la strada di casa?
Le autostrade del cielo? Per i piccioni non esistono
Come si utilizzavano i piccioni viaggiatori?
Il sacrificio annunciato delle colombe bianche del Papa

 

26 marzo 2014 | Elisabetta Intini