Animali

Perché i piccioni scuri hanno conquistato le città

La melanina presente in abbondanza nelle loro piume si legherebbe ai metalli pesanti presenti nell'area, tenendo pulito il sangue dei pennuti. Un bel vantaggio evolutivo rispetto ai "compari" più chiari.

Come hanno fatto i piccioni scuri a diventare i padroni indiscussi delle aree urbane? Forse, ci sono riusciti proprio grazie al loro colore. I pigmenti responsabili della colorazione grigio fumo delle loro penne si legherebbero ai metalli tossici presenti nell'aria, attirandoli sulle piume e impedendo che queste sostanze finiscano nel sangue.

È quanto emerge da uno studio effettuato su una popolazione di piccioni parigini, che potrebbe spiegare perché questi pennuti siano così diffusi nelle metropoli inquinate.

Più brutti è più sani
La melanina è il pigmento responsabile della colorazione scura di peli, pelle, capelli e - in questo caso - piume. Tra le sue proprietà c'è quella di legarsi a ioni metallici come quelli di zinco e piombo, sostanze dannose per la salute dei piccioni (e dell'uomo): è già noto che gli uccelli esposti ad alti livelli di metalli pesanti depongono meno uova e vanno incontro ad infertilità maschile.

L'ipotesi dei ricercatori della Pierre and Marie Curie University di Parigi è che la melanina, legandosi ai metalli pesanti presenti nell'aria di città, intrappoli queste sostanze sulle piume dei piccioni, che vanno poi incontro a muta ed evitano che i veleni inquinanti finiscano nel sangue dei pennuti. Se fosse vero, gli uccelli più scuri, più ricchi di melanina, avrebbero un vantaggio evolutivo rispetto ai piccioni chiari. Meno metalli nel sangue vorrebbe dire più uova, e quindi, alla lunga, una popolazione più numerosa anche nelle aree inquinate.

Una livrea protettiva
Per testare l'ipotesi i ricercatori hanno catturato 97 piccioni selvatici (Columba livia) più o meno scuri dall'area metropolitana di Parigi e li hanno tenuti per un anno in gabbie all'aperto, nutrendo tutti con la stessa dieta a base di mais, grano e piselli per portare tutti alle stesse condizioni sperimentali.

I livelli di zinco e piombo presenti sulle piume sono stati misurati sia all'inizio dell'esperimento sia prima del rilascio dei pennuti. Durante l'anno in cattività, forse anche grazie alla dieta e alla permanenza nello stesso luogo, i livelli di zinco e piombo sulle piume sono passati da una media di 328 a 89 parti per milione. I piccioni più scuri - questo è il dato più importante - avevano una maggiore concentrazione di metalli pesanti sulle penne. Segno che, forse, il loro sangue era più "pulito" di quello dei compari bianchi (ma il livello di metalli nel sangue non è stato misurato).

Altri validi motivi
La ragione della diffusione dei piccioni grigio scuro potrebbe nascondersi quindi proprio nel loro piumaggio. Anche se per alcuni studiosi sono altri i fattori responsabili, come il fatto, per esempio, che i piccioni più scuri sono in genere anche più aggressivi, o che quelli troppo chiari sono percepiti come "estranei" al contesto urbano (vedi) e più spesso attaccati.

Ti potrebbero interessare anche:

Come fanno i piccioni a trovare la strada di casa?
Le autostrade del cielo? Per i piccioni non esistono
Come si utilizzavano i piccioni viaggiatori?
Il sacrificio annunciato delle colombe bianche del Papa

26 marzo 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us