Animali

Perché i pesci non si accorgono delle megattere che li stanno per divorare?

Le megattere mangiano pesci molto più veloci di loro: perché le loro prede non le notano e non si danno alla fuga?

Una megattera è in grado di mangiare qualcosa come 2,5 tonnellate di pesce ogni giorno, divorandone a migliaia in un singolo boccone. Niente di strano in apparenza, ma vi siete mai chiesti come ci riescono? In fondo le loro prede sono animali parecchio più veloci di loro, e come tutte le balene anche le megattere, diciamo così, si fanno notare; come mai allora i pesci non si accorgono della loro presenza e non fuggono appena le vedono? La risposta arriva da uno studio della Stanford University in California, che ha analizzato il modo in cui le acciughe (una delle prede preferite delle megattere) reagiscono alle minacce e ha scoperto qual è il segreto che permette a questi animali di farne scorpacciata: le loro (grandi) dimensioni.

Punti di vista. L'esperimento ha coinvolto un gruppo di acciughe che sono state sottoposte ad attacchi a sorpresa (simulati dagli sperimentatori) da parte di predatori via via più grossi. Di fronte a finti pesci di piccole o medie dimensioni gli animali hanno reagito come previsto (scappando di corsa), ma confrontati con una minaccia troppo più grossa di loro le acciughe, semplicemente, l'hanno ignorata, perché non l'hanno registrata come un pericolo. È una questione di prospettiva: vi accorgereste se una montagna cominciasse a muoversi verso di voi per mangiarvi?

Senza via d'uscita. Anche le osservazioni su campo hanno confermato i risultati dell'esperimento: tutti i banchi di acciughe studiati nella Baia di Monterey si comportano allo stesso modo, ignorando la presenza delle megattere finché non è troppo tardi – cioè quando i mammiferi hanno già aperto la bocca e cominciato il pasto. Aggiungeteci poi che le megattere hanno una soluzione anche per catturare quelle prede che stanno cercando di svignarsela: "abbracciare" il branco di acciughe (o di aringhe, o di sgombri...) con le pinne, bloccando loro le vie di fuga e portandosi il cibo direttamente in bocca.

1 febbraio 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us