Animali

Perché i dinosauri si sono estinti e gli scarafaggi no?

Come hanno fatto gli scarafaggi a sopravvivere all'evento catastrofico che 65 milioni di anni fa portò all'estinzione dei dinosauri? Grazie ai loro svariati "superpoteri"...

Uno dei tormentoni più ricorrenti nella narrativa post-apocalittica, quella che si immagina come cambierebbe il mondo dopo un disastro nucleare (o qualcosa di altrettanto distruttivo), è il fatto che non importa cosa succeda alla Terra, gli scarafaggi comunque sopravviveranno, e un giorno diventeranno i veri dominatori del pianeta. Un'ipotesi fantasiosa ma non troppo.

Basta pensare a quello che è successo circa 65 milioni di anni fa: un meteorite atterrò nello Yucatan, provocando una serie di disastri a catena che portarono, tra le altre cose, all'estinzione di (quasi) tutti i dinosauri; un evento catastrofico al quale gli scarafaggi sono sopravvissuti senza troppi problemi. Come hanno fatto? Alla domanda ha risposto Brian Lovett, ricercatore della West Virginia University, su The Conversation.

I superpoteri degli scarafaggi. La risposta breve alla domanda "perché i dinosauri no e gli scarafaggi sì" è che questi insetti (il pezzo non fa riferimento a specie particolari ma all'intero ordine Blattodea) sembrano costruiti apposta per sopravvivere a eventi apocalittici. Innanzitutto perché… sono piatti: il fatto che il loro corpo abbia questa forma permette loro di strizzarsi in spazi molto stretti, e dunque di nascondersi più o meno ovunque.

L'impatto del meteorite Chicxulub provocò tra le altre cose un rapidissimo aumento delle temperature globali: potendosi infilare nelle crepe del suolo e in altri spazi angusti che forniscono una buona protezione dal calore, gli scarafaggi sopportarono questo sbalzo termico. E sopravvissero senza fatica anche a quello successivo: l'impatto del meteorite sollevò immense quantità di polvere che, rimanendo sospese in atmosfera, affievolirono la luce del sole, portando quindi a un crollo delle temperature, e a una morìa di animali e soprattutto piante.

Focus 354 - Aprile 2022
Leggi anche l'articolo Jurassic news, di Gabriele Ferrari, pubblicato su Focus 354 (aprile 2022) con le ultime notizie dalla preistoria: tra le novità, predatori con denti di ricambio ed erbivori a branchi. © Focus

I sopravvissuti. Un problema per moltissimi esseri viventi, ma non per gli scarafaggi, che sono perfettamente onnivori e si nutrono di qualsiasi cosa trovino – anche di escrementi, in caso di necessità. Infine, gli scarafaggi hanno anche sviluppato un'altra strategia di sopravvivenza: depongono le uova in strutture chiamate ooteche, che sono dure e resistenti e proteggono il loro contenuto da danni di ogni genere.

Lovett spiega che oggi esistono circa 4.000 specie di scarafaggi nel mondo, e che vivono più o meno ovunque, dai poli ai tropici. La loro estrema resistenza può anche trasformarli in un problema per noi esseri umani, perché alcune specie sono infestanti e molto difficili da eradicare. D'altra parte, se non è riuscito a sterminarli l'asteroide che ha fatto estinguere i dinosauri, perché dovremmo riuscirci noi?

13 aprile 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us