Animali

Perché gli elefanti odiano i droni

Non sono i soli a non gradirli, ma nel corso di un recente studio le piccole macchine volanti li hanno spaventati a morte. Ecco perché.

All'inizio dell'anno alcuni ricercatori della Duke University (North Carolina) si sono recati nel Gabon, Africa centrale, per studiare una popolazione di elefanti in diminuzione. Hanno portato con sé tre droni per contare gli animali, seguire le mandrie e fotografarne la migrazione, ma le cose non sono andate come previsto.

Un rumore familiare. Gli animali si sono accorti subito della presenza dei droni, che volavano tra i 7 e i 27 metri di altezza sopra di loro, e hanno iniziato ad agitarsi. Alcuni animali hanno rotto la formazione e sono corsi via, una femmina con un cucciolo ha addirittura spruzzato del fango in direzione delle macchine, in un'azione da vera contraerea. I ricercatori ritengono che ad averli spaventati tanto può essere stato il ronzio dei droni, che ricorda quello dell'unico vero terrore degli elefanti africani: le api.

Il nemico più odioso. La mole dei pachidermi li protegge persino da predatori come i leoni, ma non può nulla contro le api africane, insetti particolarmente aggressivi che li pungono all'interno della proboscide, negli occhi, dietro alle orecchie. Ora i ricercatori stanno studiando le frequenze di questi ronzii per vedere quanto in effetti somiglino a quelli delle api. Il prossimo passo sarà affiancare ai bestioni nuovi droni che emettano rumori più soft e a diversa frequenza, per poterli studiare (e proteggere) senza spaventarli.

15 maggio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us