Speciale
Domande e Risposte
Animali

Perché le espressioni dei cani ci piacciono così tanto?

I cani hanno un talento naturale per colpirci dritti al cuore grazie ai loro muscoli facciali, in particolare quelli che servono per formare le diverse espressioni.

Cani e lupi appartengono alla stessa specie, eppure l'effetto che ci fanno è completamente diverso: pur assomigliandosi moltissimo, i primi hanno un talento naturale per colpirci dritti al cuore con le loro espressioni, qualcosa che ai lupi non riesce. Come mai? Per scoprirlo, un gruppo di ricerca della Duquesne University di Pittsburgh, in Pennsylvania, ha studiato le differenze tra cani e lupi individuando una serie di caratteristiche anatomiche presenti solo nei primi e che risultano decisive per provocare una certa reazione in noi umani. I risultati sono stati presentati all'Experimental Biology Meeting.

Basta uno sguardo. I cani sono speciali anche se paragonati agli altri animali che abbiamo addomesticato, perché sono gli unici con i quali noi umani abbiamo stabilito una forma di comunicazione basata esclusivamente sugli sguardi. Secondo Anne Burrows, prima autrice dello studio, il merito è proprio dei cani e della loro evoluzionez.

Per dimostrarlo, la ricercatrice e il suo gruppo hanno studiato i muscoli facciali dei nostri migliori amici, in particolare quelli che servono per formare le diverse espressioni. Si chiamano muscoli mimetici e, in noi esseri umani, sono composti in gran parte da fibre in grado di contrarsi ed espandersi velocemente; questo ci permette di cambiare rapidamente espressione, ma anche di fare fatica a mantenerne una a lungo. Nei lupi, invece, la maggior parte dei muscoli mimetici sono composti di fibre "lente", che si stancano meno ma che non consentono di cambiare espressione rapidamente o con precisione.

E nei cani? Anche nei cani è presente il dualismo tra fibre veloci e fibre lente, ma a differenza dei lupi la proporzione è a favore delle prime, proprio come negli umani. Questo significa che i cani possono cambiare espressione più rapidamente, una caratteristica evolutasi nel corso di migliaia di anni di domesticazione e che permette loro di comunicare più facilmente i loro umori agli umani.

Secondo Burrows, siamo stati proprio noi a favorire l'evoluzione di queste fibre muscolari, selezionando, generazione dopo generazione, i cani più espressivi e comunicativi. I risultati di questo studio fanno il paio con quelli di un lavoro precedente dello stesso team, nel quale si dimostrava che, rispetto ai lupi, i cani hanno un muscolo mimetico addizionale – quello che permette loro di fare "gli occhi dolci", l'espressione da cucciolo bisognoso di affetto che tutti i proprietari di cani conoscono bene (e che i lupi non sanno fare).

16 aprile 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us