Speciale
Domande e Risposte
Animali

Perché il vostro cane inclina la testa quando gli parlate?

Avrete notato che a volte il cane, quando gli rivolgete la parola, abbassa da una parte il capo. Le spiegazioni possono essere diverse.

Perché a volte i cani, quando viene loro rivolta la parola, inclinano la testa in uno dei gesti più adorabili mai compiuti da un essere vivente? Purtroppo la risposta "perché così diventano più adorabili" non è valida: ci dev'essere un motivo dietro questo comportamento. Così hanno pensato gli autori di uno studio pubblicato su Animal Cognition, intitolato "analisi preliminare dell'atto di inclinare la testa dei cani": si tratta di una sorta di spin-off di un altro studio di cui vi abbiamo parlato poco tempo fa, e che ha visto coinvolto un campione di quaranta cani (e relativi padroni) osservati con particolare attenzione durante i test principali.

33 cani normali e 7 geni. Di quei 40 cani, 33 erano cani domestici addestrati per tre mesi ad associare certe parole a certi oggetti – in sostanza, a imparare i nomi dei loro giocattoli, e quindi a reagire di fronte al suono di una voce umana che li pronuncia. Gli altri sette non hanno invece avuto bisogno di preparazione, visto che si trattava di cani GWL, gifted word learners, ossia esemplari con capacità linguistiche particolarmente sviluppate – i "cani geniali" dello studio di cui vi avevamo già parlato. L'intero gruppo è stato sottoposto ai test di cui vi abbiamo già raccontato; durante lo svolgimento degli esercizi, i ricercatori hanno fatto particolare attenzione alla testa dei cani e alle sue oscillazioni: mentre i loro padroni indicavano questo o quel giocattolo chiamandolo per nome, hanno misurato quante volte ogni cane inclinava il capo, in quale direzione e con quanta intensità.

Questa parola mi è familiare. Quello che hanno scoperto è che i cani GWL (i superdotati, diciamo) inclinano la testa molto più profondamente di quelli "normali" e che la direzione in cui la inclinano (verso destra o sinistra) non è influenzata dalla posizione della persona che stanno ascoltando – in altre parole, inclinano la testa sempre nella stessa direzione. Inoltre, i cani conoscevano già i giocattoli dell'esperimento, per cui si può escludere anche l'effetto novità.

Secondo i ricercatori, la spiegazione più probabile è che i cani inclinino la testa in risposta al suono della voce umana, e in particolare al suono di parole familiari (come per l'appunto il nome di un giocattolo): il gesto sarebbe un segnale di rinnovata attenzione che il cane compie quando sta creando associazioni mentali tra suono e oggetto. Purtroppo, si legge nello studio, il campione di questo esperimento è troppo piccolo per poter dare delle risposte definitive: gli autori incoraggiano a ripeterlo con molti più cani, magari usando anche tecniche di brain imaging per capire meglio cosa succede nel loro cervello quando inclinano la testa.

9 novembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us